Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Bufera procure: azione disciplinare per 4 togati del Csm autosospesi

Mafie News

Bufera procure: azione disciplinare per 4 togati del Csm autosospesi

di AMDuemila
Il Pg della Cassazione, Riccardo Fuzio, ha promosso l'azione disciplinare nei confronti dei quattro consiglieri togati del Csm, che si sono autosospesi, per la vicenda degli incontri con l'ex presidente dell'Anm Luca Palamara e i deputati del Pd Cosimo Ferri e Luca Lotti, sulla nomina del nuovo procuratore di Roma.
Si tratta dei togati di Magistratura Indipendente Corrado Cartoni, Antonio Lepre, Paolo Criscuoli e del consigliere Gianluigi Morlini che nei giorni scorsi ha lasciato Unicost. I quattro si erano impegnati a decidere, entro la fine della settimana, se tornare al Csm, come vorrebbero e come gli chiede di fare la corrente di Magistratura Indipendente, o se dimettersi, come sollecita l'Anm. L' avvio dell'azione disciplinare non comporta automaticamente la sospensione dal Csm che in questi casi è facoltativa. Si tratta però di una nuova tegola che può rendere più difficile la resistenza dei 4 consiglieri alle pressioni per dimettersi.
Inoltre, da quanto si è appreso, Luca Palamara e Stefano Rocco Fava, i magistrati indagati dalla Procura di Perugia, rischiano il trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale e funzionale. La prima commissione del Csm, già nei prossimi giorni, potrebbe avviare la procedura. Inoltre verrà vagliata anche la posizione di Luigi Spina (anche lui dimissionario dal Csm perché indagato a Perugia). Il suo caso, però, è diverso dagli altri due perché non è ancora rientrato in ruolo: il plenum straordinario del 4 giugno scorso ha infatti preso atto delle sue dimissioni e disposto il suo rientro alla procura di Castrovillari, ufficio dove svolgeva le funzioni di pm prima di essere eletto al Csm, iter che però non è ancora completo.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

E ora la riforma del Csm

Sergio Mattarella e questo Csm che di Montesquieu ha fatto carne di porco

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa