Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Processo Montante, potrebbe essere oggi il giorno della sentenza

Mafie News

Processo Montante, potrebbe essere oggi il giorno della sentenza

di AMDuemila
Nel pomeriggio il giudice Luparello potrebbe ritirarsi in Camera di consiglio

Ultimi atti per il processo in abbreviato che vede imputato l'ex presidente degli industriali siciliani Antonello Montante. Ieri è stata la volta delle arringhe della difesa Montante rappresentata dagli avvocati Carlo Taormina e Giuseppe Panepinto, con quest'ultimo che dovrebbe concludere oggi la sua discussione, dopodiché, nel pomeriggio, il giudice Graziella Luparello dovrebbe ritirarsi in camera di consiglio.
La difesa dell'ex leader di Sicindustria ieri ha sostenuto ancora una volta che il clima in cui si è celebrato il processo non era sereno ("Questa non era la sede per poter fare il processo perché questi magistrati sono condizionati dalla preoccupazione che essere stati vicini a Montante per tanti anni possa essere stato qualcosa che oggi si possa ritorcere contro di loro. Una serie di comportamenti che naturalmente non consentono un giudizio sereno") ed ha evidenziato come le accuse di mafia nei confronti dello stesso imputato siano cadute (anche se nel corso della requisitoria si è appreso che l'indagine per concorso esterno è ancora aperta, ndr). "Qui c'è anzitutto da prendere atto - ha detto Taormina - che da un punto di vista di implicazioni di carattere mafioso non ce ne sono assolutamente. Si tratta poi di capire se all'interno di questo percorso ci possano essere state delle situazioni che non siano andate secondo quello che avrebbe voluto la legge e questo sarà oggetto di accertamento. Rivendichiamo la titolarità in capo a Montante di essere stato e di essere ancora il vessillo dell'antimafia e chi lo vuole abbattere è il potere mafioso che è riemerso, purtroppo allineato a quello giudiziario che inconsapevolmente sta dando un forte contributo alla sua vittoria. Montante ha operato all'insegna dell'antimafia quasi per 10 anni e mezzo e pare che la pubblica accusa si sia ispirata a questo concetto: dieci anni e mezzo hai governato, dieci anni e mezzo stai in galera. Forse è una casualità ma a me è venuto in mente proprio questo".
L'accusa contro Montante è di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione con alcuni esponenti delle forze dell'ordine. Alla fine della requisitoria, la Procura di Caltanissetta ha chiesto per l'ex industriale la condanna a dieci anni e dieci mesi di carcere. Ugualmente pesanti condanne sono state chieste per l'ex ispettore di polizia Diego Di Simone (7 anni, un mese e 10 giorni), secondo l'accusa il trait d'union tra l'ex presidente di Sicindustria e gli appartenenti alla polizia di Stato, oltre che con delle misteriose talpe istituzionali rimaste ad oggi ignote, ma anche colui che avrebbe violato più volte la banca dati della polizia per favorire l'attività di dossieraggio messa in atto. Condanna chiesta anche per Marco De Angelis (6 anni, 11 mesi e 10 giorni), funzionario della questura di Palermo; due anni e 8 mesi sono stati chiesti per Andrea Grassi, ex funzionario del Servizio centrale operativo della polizia, oggi questore di Vibo Valentia, quattro anni e 6 mesi sono stati sollecitati per il colonnello Gianfranco Ardizzone, ex comandante provinciale della Guardia di finanza di Caltanissetta, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, alla rivelazione di notizie coperte dal segreto d'ufficio, al favoreggiamento. I pm hanno invece chiesto l'assoluzione per Alessandro Ferrara, ex dirigente generale delle Attività produttive.
Durante la requisitoria i pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, hanno messo in evidenza una serie di episodi volti a dimostrare come Montante avrebbe cercato di ottenere notizie riservate sui profili di alcune persone di suo interesse.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Montante, il pm: ''Ex presidente Irsap, Cicero, subì minacce e intimidazioni''

Montante: pm, informatori fornivano notizie riservate

Report, il caso Montante e la Trattativa Stato-Mafia

L'antimafia infetta

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa