Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Ignazio Cutrò: ''I miei aguzzini sono in carcere ma lo Stato ha perso''

Mafie News

Ignazio Cutrò: ''I miei aguzzini sono in carcere ma lo Stato ha perso''

di AMDuemila - Video
Siamo stanchi non ce la facciamo più non vogliamo essere considerati una spesa o un peso. Se ci toglieranno ancora quel poco di dignità che ci resta noi siamo pronti a tutto”. Presentano una nota di delusione e stanchezza le dichiarazioni del testimone di giustizia Ignazio Cutrò, rilasciate ai microfoni di TG3. Parole, quelle dell’imprenditore bivonese minacciato dalla mafia, di un cittadino che ha dovuto rinunciare a tutto per seguire fedelmente i principi di legalità e soprattutto quella scelta coraggiosa che Cutrò fece nel 2006 quando denunciò i propri estorsori, ma senza riconoscimento da parte dello Stato. “Noi abbiamo vinto contro la mafia perchè i nostri aguzzini sono stati tutti arrestati ma la mia azienda ha chiuso e lo Stato ha perso, perchè nel momento in cui chiude un’azienda di un testimone di giustizia lo Stato perde”. Una vittoria amara dunque, soprattutto se si pensa alla scelta di Cutrò di rinunciare alla scorta per protestare contro la revoca della stessa alla sua famiglia da parte dello Stato. Tutto questo nonostante “nelle intercettazioni dicevano che nel momento in cui lo Stato mi avrebbe abbandonato loro mi avrebbero ammazzato” quindi “io in questo momento sono in balia dei mafiosi”. Malgrado ciò Cutrò non si dà per vinto, “continuo a resistere perchè non sono io che me ne devo andare dalla mia terra insieme alla mia famiglia ma i mafiosi”. Ignazio Cutrò insieme agli altri testimoni di giustizia chiede al governo protezione e tutela con fatti concreti su sicurezza e lavoro, se ciò non dovesse accadere promettono di essere pronti a manifestare ad oltranza davanti al Viminale dal prossimo maggio.

ARTICOLI CORRELATI

La ''rivolta'' dei testimoni di giustizia contro Gaetti

I Testimoni rispondono al Sottosegretario Gaetti

Lo Stato ha deciso, via le telecamere dalla casa di Ignazio Cutrò

Ignazio Cutrò rinuncia alla scorta: ''Preferisco rischiare io e non la mia famiglia''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa