Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Nicola Morra: ''Basta segreti di Stato''

Mafie News

Nicola Morra: ''Basta segreti di Stato''

morra nicola c imagoeconomica 2di Karim El Sadi
Il Presidente della Commissione parlamentare antimafia annuncia: "Istituiremo comitati su Massoneria e Trattativa Stato-mafia"

Si è messo subito all'opera Nicola Morra, il senatore cinque stelle succeduto a Rosy Bindi alla presidenza della Commissione parlamentare Antimafia. Il neo presidente ha annunciato, nel corso di un'intervista all'agenzia ANSA, i prossimi provvedimenti da prendere in tema di lotta alla criminalità organizzata. Tra questi: eliminare il segreto di Stato, tornare ad indagare sulla massoneria, istituire un 'bollino blu' per gli appartenenti agli ordini professionali, che certifichi la loro moralità, vigilare affinché i trattati internazionali per riportare in Italia i latitanti (come Amedeo Matacena) vengano applicati e istituire un Comitato sulla Trattativa Stato-Mafia, "per approfondire le responsabilità di chi ha trattato con Cosa nostra" in modo da ridare una chiave di lettura politica a quanto avvenne nel periodo delle stragi '92-’94.

Lo sguardo verso l’Europa
Morra ha rivelato di voler contare sull'appoggio dell'Europa per la lotta alla mafia tramite il rafforzamento della cooperazione giudiziaria europea ed internazionale e il superamento delle difficoltà nell'ambito delle rogatorie internazionali. A questo riguardo il Presidente della Commissione parlamentare Antimafia ha dichiarato: "Uno degli obiettivi sarà convincere tanti Stati, non soltanto dell'Ue, ad accettare suggerimenti normativi da parte della Repubblica italiana, che ha una legislazione antimafia e antiterrorismo all'avanguardia". L'attenzione è rivolta all'estero soprattutto per fare rete contro i tentacoli della criminalità, che lambiscono più continenti. "Molte organizzazioni criminali - ha spiegato - hanno teste di ponte a Malta, in Albania o Slovacchia, dove hanno già avviato attività. Ci sono Paesi, sopratutto quelli del vecchio blocco comunista, e l'Africa subsahariana, che rappresentano grosse opportunità di business per le mafie”.

Basta Segreti di Stato
Il Presidente insediatosi lo scorso 14 novembre ha da subito posto particolare attenzione sulle logge massoniche in italia e la loro influenza nel campo politico e criminale. Per questo uno degli obbiettivi proposti a breve termine della Commissione è istituire un Comitato sulla massoneria. Secondo Morra "il nostro Paese ha visto proliferare un numero impressionante di logge deviate, alcune delle quali hanno segnato la storia politica oltre che criminale del Paese". A questo proposito Morra ha ribadito con forza l'importanza di fare chiarezza sulla Trattativa Stato-Mafia e sulle stragi dei primi anni '90, costituendo un ulteriore comitato "per approfondire le responsabilità di chi ha trattato con Cosa nostra". "Chi ha governato il Paese deve anche accettare la possibilità di essere 'scannerizzato'. - ha sottolineato rivolgendosi anche ai partiti oggi all'opposizione, come Forza Italia - In alcuni casi il fatto di consentire il segreto di Stato rappresenta un indebolimento dello Stato piuttosto che una testimonianza di forza. Lo stato è solido quando accetta anche di riconoscere sue responsabilità su eventuali errori commessi". Altri comitati che nasceranno riguarderanno la frontiera dell'azzardo online, "per come si sta diffondendo", e inoltre 'mafie e sport' poiché, come è stato dimostrato, "chi controlla le frange del tifo organizzato può anche rappresentare la voce dell'antistato". In tema 41bis Nicola Morra è stato inamovibile sulla propria contrarietà ad eventuali ammorbidimenti o revisioni del sistema carcerario duro "dobbiamo essere fermi" ha sentenziato. Infine è in progetto l'idea di creare uno strumento in grado di contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nell'economia.

Bollino blu
Una soluzione "potrebbe essere - secondo Morra - l'istituzione di un 'bollino blu' per gli iscritti ai vari ordini professionali". "Penso - ha spiegato - ad una sorta di controllo di filiera etica che possa rappresentare una certificazione di moralità". Per concludere il Presidente della Commissione parlamentare Antimafia ha dato la propria opinione riguardo le novità introdotte dal dl sicurezza sulla possibilità di vendere i beni confiscati affermando che "qualora dovessimo registrare il fallimento dell'esperienza, noi per primi accetteremmo la lezione per fare i correttivi necessari".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa