Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Ucciso in prigione il super gangster 'Whitey' Bulger

Mafie News

Ucciso in prigione il super gangster 'Whitey' Bulger

bulger whitey jamesOmbra della mafia dietro il pestaggio
di AMDuemila
Il boss della mafia di Boston, James "Whitey" Bulger, è stato ucciso in una prigione del West Virginia. Secondo fonti investigative, sarebbe stato picchiato da almeno due detenuti, uno dei quali potrebbe essere "affiliato con la mafia”. A riportare la notizia sono stati il Boston Globe e la Cnn.
Il gangster, che aveva 89 anni, stava scontando due ergastoli per 11 omicidi. Nei giorni scorsi era stato trasferito nel carcere federale di massima sicurezza di Hazelton dopo aver minacciato un agente di custodia nel carcere dove si trovava in precedenza, a Summerville in Florida. Poco dopo l’arrivo nella nuova sede è stato ucciso. Il boss per oltre 16 anni avrebbe eluso la giustizia, corrompendo funzionari del FBI, prima del suo arresto nel giugno 2011, in California.
L’omicidio del boss segna l’epilogo di una vita rocambolesca, simile ai film di Hollywood che aveva ispirato: sullo sfondo, la Boston dove allibratori e gangster affollavano le taverne dei quartieri operai, dove gli abitanti non si sognavano nemmeno di denunciare i malviventi alla polizia e dove l'Fbi era così determinata a sradicare la mafia che sarebbe arrivata a pagare criminali come Bulger perché facessero fuori i rivali. In questo modo Bulger aveva scalato le vette della criminalità organizzata, erede di una fascinazione degli americani per i grandi gangster, da Al Capone e Dillinger a John Gotti, passando per la fiction romanzesca dei Corleone di Mario Puzo e Francis Ford Coppola. Ad arricchire la saga, il dettaglio non secondario del fratello "buono", come per il Gigante a New York, Vincent capo mafia e Louis Prete. Nel caso dei Bulger, il fratello William divenne presidente del Senato statale del Massachusetts e della University of Massachusetts. William Bulger ha sempre negato di avere avuto conoscenza di prima mano dei delitti del fratello, ma ha sempre detto di volergli bene e che non l'avrebbe mai consegnato alla giustizia se avesse avuto notizia di dove si trovava. Per anni, prima che i dettagli della storia criminale di 'Whitey' diventassero di dominio pubblico, miti popolari a South Boston ne avevano alimentato la fama di Robin Hood che per Thanksgiving rubava i tacchini per darli ai poveri. Un Tommy Shelby di 'Peakey Blinders' dall'altra parte dell'oceano, Bulger aveva un codice d'onore: mai vendere droga ai bambini o eroina nel quartiere, fidarsi solo degli irlandesi, mentire alle donne ma non a un amico o a un socio. 'Whitey' ne aveva fatte di cotte e di crude fino a quando nel dicembre 1994, dopo decenni di estorsioni, furti, rapine, narcotraffico e omicidi, era scomparso dalla faccia della terra proprio mentre stava per essere incriminato. Per un decennio Bulger era rimasto nella lista dei 10 Most Wanted assieme a Osama bin Laden, sulla sua testa una taglia record da due milioni di dollari. Fu arrestato alla fine a Santa Monica per colpa della compagna: ex igienista dentale, diede nell'occhio perché non resisteva a farsi pulire i denti almeno una volta al mese. La storia del boss non poteva sfuggire a Martin Scorsese che scelse Jack Nicholson per dargli il volto in 'The Departed' del 2006. Nove anni dopo, nel 2015, toccò a Johnny Depp interpretarne il ruolo in 'Black Mass' di Scott Cooper ('L'ultimo gangster' in Italia).

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa