Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Caso Cucchi, indagato il maggiore Luciano Soligo

Mafie News

Caso Cucchi, indagato il maggiore Luciano Soligo

cucchi ilaria foto stefano c ansaLa procura di Roma apre un nuovo filone d’indagine
di AMDuemila
C'è un nuovo indagato nell’inchiesta sul depistaggio per coprire il pestaggio di Stefano Cucchi. Si tratta del maggiore Luciano Soligo, allora comandante della compagnia Talenti Montesacro nel 2009. Stazione dalla quale dipendeva quella di Tor Sapienza, il cui comandante Massimiliano Colombo è indagato insieme al Carabiniere scelto Francesco Di Sano che nel corso del processo bis a carico di altri cinque carabinieri ha dichiarato di aver dovuto, dopo un ordine gerarchico, modificare il verbale sullo stato di salute di Cucchi nel momento del trasferimento dalla caserma Casilina a Tor Sapienza. Il capo d’imputazione, con cui la procura procede, è falso ideologico.
La nuova iscrizione di Soligo all’interno del registro degli indagati è arrivata pochi giorni dopo l’interrogatorio di Colombo, ascoltato la settimana scorsa per sette ore dal pm Giovanni Musarò. Il luogotenente Colombo è indagato dopo le dichiarazioni di Di Sano che rese al processo lo scorso aprile. Il processo in corso, dove sono imputati tre carabinieri per il reato di omicidio preterintenzionale, ha avuto una svolta grazie alle dichiarazioni del carabiniere Francesco Tedesco, che ha accusato i colleghi Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro di aver colpito Cucchi con schiaffi e calci durante il fotosegnalamento.
Invece, non sono indagati il generale dei carabinieri Vittorio Tomasone il colonnello Alessandro Casarsa e il maggior Paolo Unali, diretti superiori all’epoca di Colombo e Soligo. Nell’ottobre 2009, Tomasone era comandante provinciale dei carabinieri, mentre Casarsa - ora al Quirinale - era comandante del Gruppo Roma e Unali era comandante della compagnia Casilina. I tre saranno sentiti come testimoni nel processo in corso che si sta svolgendo davanti alla Prima Corte d’Assise del Tribunale di Roma.

Foto © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Stefano Cucchi, i 9 anni dalla morte e quel ''Quante gliene abbiamo date''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa