Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Mafia: processo a clan palermitani, due condanne

Mafie News

Mafia: processo a clan palermitani, due condanne

Martello della Giustiziadi AMDuemila
Il gip di Palermo ha condannato rispettivamente a 12 e 14 anni Vincenzo Simonetti e Isidoro Buongusto. Erano accusati di associazione mafiosa. L'accusa è stata sostenuta dal pm della Dda Amelia Luise. Il processo, celebrato in abbreviato, nasce da un'inchiesta del 2017 su mafia ed estorsione a carico delle cosche di Monreale e San Giuseppe Jato. Tra gli indagati, processati però in ordinario, anche Gian Battista Ciulla, a capo della cosca di Monreale costretto a lasciare la Sicilia per evitare la vendetta del clan: avrebbe rubato i soldi dalle casse della "famiglia", mostrato poco interesse per le attività criminali disertando i summit, e intrecciato una love story con la moglie di un carcerato. Comportamenti che la cosca riteneva gravi violazioni delle "regole" di Cosa nostra e che aveva deciso di punire. Dall'inchiesta è venuto fuori anche che dopo la fuga di Ciulla la successione al vertice sarebbe stata decisa in un summit organizzato a febbraio del 2015 tra i boss di Monreale e quelli di San Giuseppe Jato. Francesco Balsano, nipote del capomafia, sarebbe stato designato per la sostituzione. Ma nel corso del vertice,a cui presero parte Girolamo Spina, Vincenzo Simonetti e Ignazio Bruno per il mandamento di San Giuseppe Jato, Salvatore Lupo e Francesco Balsano per quello Monreale, si decisero anche le sanzioni per i fedelissimi di Ciulla. Come Benedetto Isidoro Buongusto al quale, a pochi giorni dalla riunione, fu fatta trovare davanti casa una testa di capretto con una pallottola conficcata e un biglietto con su scritto "da questo momento non uscire più perché non sei autorizzato a niente". Non soddisfatti i mafiosi passarono dalle parole ai fatti e incaricarono un uomo d'onore di San Giuseppe Jato, di dargli una lezione. Buongusto venne picchiato.

Fonte: ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


IL GIOCO DI LOLLO

IL GIOCO DI LOLLO

by Federica Angeli

Una madre, una giornalista e una città, Ostia,...

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa