Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Minacce di morte contro il centro di don Pino Puglisi

Mafie News

Minacce di morte contro il centro di don Pino Puglisi

artale maurizio c paolo bassaniIl presidente Artale: “Noi non ci fermiamo”
di AMDuemila
Martedì scorso un uomo ha minacciato di morte il presidente dell’associazione del centro Padre nostro di Brancaccio. “Se buttano giù casa mia, io ti ammazzo” ha urlato dopo essere entrato con spavalderia al centro di don Pino Puglisi ed aver chiesto di Maurizio Artale, il presidente appunto. Ora la squadra mobile sta indagando per le minacce di morte. L’uomo altri non è che un parente del boss Antonio Lauricella, da poco tornato a piede libero, che ha a cuore un immobile abusivo di due stanze che si trova in un terreno di via Brancaccio di recente affidato al centro Padre nostro per restituito alla comunità. In vista dell’arrivo di papa Francesco per il venticinquesimo dalla morte di don Pino Puglisi, quel terreno sarà probabilmente utilizzato come parcheggio e area d’accoglienza per poi essere destinato, forse, a diventare quella piazza tanto attesa e mai avuta.
Da venticinque anni Maurizio Artale è impegnato con la sua associazione nel cercare di portare avanti il sogno del parroco antimafia che tanto dava fastidio ai mafiosi da ucciderlo il 15 settembre '93. Le minacce e le intimidazioni sono all’ordine del giorno al centro Padre nostro e già otto anni fa era arrivata una minaccia di morte contro Artale tramite una telefonata, senza contare i tanti raid vandalici che cercano di piegare i volontari dell’associazione. Ma i volontari non si sono mai fatti intimidire e in questi anni hanno via via recuperato gli spazi abbandonati e in mano alla criminalità creando aree di aggregazione, un centro per anziani e un campo sportivo, oltre a dare una possibilità a minori in difficoltà, alle ragazze madri ed agli ex detenuti. Il nuovo progetto ora è quello di restituire alla collettività un’area di 14 mila metri quadrati, di proprietà di un privato ma che è stata fin ora una zona franca del quartiere.
Una sfida che Artale e i volontari sono pronti a vincere: “Non ci fermeremo, - ha sottolineato il presidente in seguito alle minacce - quel terreno è destinato alla comunità”.

La redazione esprima totale solidarietà e vicinanza al presidente Maurizio Artale.

Foto © Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa