Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Borrometi depone in aula dopo minacce

Mafie News

Borrometi depone in aula dopo minacce

borrometi paolo dx c imagoeconomicaFuori dall'aula un presidio di solidarietà con le associazioni
di AMDuemila
Paolo Borrometi, giornalista che vive sotto scorta da diverso tempo dopo l'aggressione ricevuta e le minacce per alcune sue inchieste, ieri mattina ha testimoniato al Tribunale di Siracusa al processo che vede imputato Francesco De Carolis, 44 anni, siracusano, accusato di minacce gravi e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.
Rispondendo alle domande del pubblico ministero Alessandro Sorrentino, Borrometi ha illustrato le sue inchieste sulla criminalità siracusana e su Luciano De Carolis, già condannato per associazione mafiosa, ritenuto dagli inquirenti esponente del clan Bottaro Attanasio. Proprio in seguito ai suoi articoli era arrivata la minaccia, registrata in un file audio sui social, da parte di Francesco, fratello di Luciano.
"Dopo quelle minacce ho avuto paura anche per la mia famiglia - ha detto Borrometi - Francesco De Carolis più volte ha fatto riferimento al fratello, che è stato condannato, e questo mi ha spaventato. Poi, i riferimenti a mia madre ed ancora le minacce di valenza fisica mi hanno scosso. In passato, sono stato minacciato ma è stata la prima volta da parte della criminalità siracusana". "Sono un cittadino e penso che denunciare sia la cosa più importante soprattutto in territori dove si denuncia poco. Mi sento un giornalista che ha l'obbligo di raccontare" ha commentato Paolo Borrometi al termine dell'udienza. "La mafia è la cultura mafiosa, quella che minaccia un giornalista per non farlo parlare, che non vuole che i cittadini siano informati. Essere informati significa dare ai cittadini la libertà di scegliere da che parte stare". Prima dell'udienza, presidio all'ingresso dal tribunale del presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, di Lidia Galeazzo di Usigrai e dei rappresentanti di Associazionesiciliana della stampa, Ordine nazionale e Ordine regionale dei giornalisti, Libera, Cgil.
"Non siamo venuti per fare pressioni sulla giustizia e non spetta ai giornalisti chiedere condanne o assoluzioni". Ha commentato Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione Nazionale della Stampa. "Noi andremo in tutte le aule dei Tribunali - ha aggiunto - quando ci saranno cronisti minacciati a testimoniare che saremo presenti, a dare quella che si chiama la scorta mediatica, cioè riprendere le inchieste dei colleghi minacciati. Oggi ci sono troppe minacce nei confronti del diritto di cronaca".
Domani a Forcella, Napoli, si terrà la prima assemblea nazionale con i cronisti minacciati: "Verranno tanti ragazzini precari di 25 anni - ha spiegato Giulietti - che sono i più rischio perché non hanno azienda e non hanno contratti e sono i più ricattabili".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia