Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Processo Cavallini, Mambro: ''Ci dissero che potevamo uscirne accusando Giorgio Vale''

Mafie News

Processo Cavallini, Mambro: ''Ci dissero che potevamo uscirne accusando Giorgio Vale''

mambro francesca c imagoeconomica 5di Antonella Beccaria
Nuovo telegramma di Pazienza: "Ho inviato alla Corte un voluminoso plico documentale"

Francesco Pazienza insiste. Mentre si ha conferma che le macerie della stazione di Bologna distrutta dalla bomba esplosa il 2 agosto 1980 giacciono alle intemperie nel piazzale della caserma San Felice di via Prati di Caprara, l’udienza del 6 giugno ha visto la comparsa di un nuovo telegramma. Come il primo, giunto il 29 maggio scorso, anche del secondo ne dà lettura dopo la pausa il presidente della Corte d’Assise, Michele Leoni, che deve giudicare l’ex Nar Gilberto Cavallini, accusato di concorso in strage. “Inviato voluminoso plico documentale sperando sia decisivo per convincimento mia audizione. Con osservanza”. La firma è sempre quella dell’ex consulente del direttore del Sismi, il generale Giuseppe Santovito, iscritto alla loggia P2 di Licio Gelli.
Il materiale inviato da Pazienza, già condannato per i depistaggi nella strage del 1980 e per il crac del Banco Ambrosiano, non è ancora stato recapitato a Bologna, ma una volta arrivato a destinazione verrà valutato. Di certo, al momento, c’è che al mittente non si intende lasciare spazio temendo forse un ulteriore tentativo di intossicazione a processo in corso. La volontà, già avanzata dalla pubblica accusa, è stata ribadita nei giorni scorsi dai legali di parte civile. “La posizione del collegio”, ha dichiarato l’avvocato Andrea Speranzoni, “è che non siamo interessati in alcun modo a sentire Francesco Pazienza. Se ha delle cose da dichiarare, vada alla procura della Repubblica”.

“Alibi non convincenti”
Il resto dell’udienza è stato dedicato a Francesca Mambro, per la terza volta in aula, che ha finito di rispondere alle domande delle parti civili e della difesa dell’imputato. Incisivo, nella parte conclusiva della giornata, il presidente Leoni il quale, facendo riferimento a una cronologia contenuta nella sentenza d’appello bis del 1994 che condannava all’ergastolo Mambro e il marito, Valerio Fioravanti (sarà sentito il prossimo 13 giugno), ha letto alcuni passaggi del documento. Sono quelli che tengono traccia delle dichiarazioni dei due condannati (a cui si aggiunge Luigi Ciavardini, giudicato dalla giustizia minorile), a proposito di due giornate specifiche: il 31 luglio 1980, quando da Roma, dopo il soggiorno siciliano, Mambro e Fioravanti partono per Venezia dopo una ipotetica “tappa” a Taranto, e il 2 agosto successivo, quando avviene la strage.
Sono dichiarazioni a lungo discordanti “che hanno trovato la consentaneità solo al dibattimento”, ha scritto la Corte d’Appello nel giudizio di ventiquattro anni fa concludendo: “Si deve osservare: [...] che gli stessi prevenuti si sono insanabilmente contraddetti tra di loro; [...] che i coimputati - anche a voler tacere della inaffidabilità connaturata alla loro indicata veste - hanno parlato solo in un secondo momento [...] della gita a Padova, oppure hanno affacciato una versione dei fatti [...] che è il dichiarato frutto di un accordo intervenuto con gli imputati medesimi. La conclusione è che [...] non hanno assolto all’onere che si erano assunti; essi, infatti, non hanno dato alcuna dimostrazione dell’alibi proposto, perché non hanno provato di essersi trovati, all'ora dello scoppio, in un luogo diverso da Bologna”.
“Voi non avete un alibi convincente”, ha rimarcato oggi il presidente Leoni. In ciò che i neofascisti hanno dichiarato “non c’è niente che quadra, ma si assiste un progressivo allineamento per scagionare tutti o qualcuno in particolare”. A proposito dell’“intermezzo” di Taranto, raggiunto nel giro di un giorno e mezzo tra il 30 e il 31 luglio prima di approdare nella base di Cavallini a Villorba di Treviso, Leoni considera ancora che quello spostamento, tra treno e auto, visti i tempi del 1980, “non sta da nessuna parte. Di fronte a tutte queste evidenze, perché inventarsi un viaggio” in Puglia?

“Ci dissero di accusare Vale”
Francesca Mambro replica. Dal punto di vista della ex terrorista, la sua innocenza, come quella di Fioravanti e di Ciavardini, sta proprio nel non aver fornito in alibi. “Erano giorni tutti uguali”, ha dichiarato e per questo, per anni, le sarebbe stato difficile mettere in sequenza i loro movimenti nelle poche decine di ore che precedettero la strage. “Eravamo soli”, ha aggiunto introducendo un dettaglio sul quale il presidente della corte ha picchiato duro. Parlando del depistaggio del gennaio 1981 attuato dal Sismi piduista attraverso il ritrovamento su un treno partito proprio da Taranto di esplosivo compatibile con quello usato alla stazione, Francesca Mambro ha dichiarato: “Ci venne offerto di uscire dalla vicenda accusando della strage Giorgio Vale.
“Lei fa un’affermazione grave. Chi vi ha fatto questa offerta?” ha chiesto subito Leoni e la teste - dopo aver chiamato in causa ancora i loro intenti rivoluzionari (“per questo rifiutammo”) e negando di essere stata una militante di estrema destra (“eravamo del Msi e del Fronte della Gioventù, garantivamo condizioni di vivibilità e sopravvivenza delle sezioni e delle piazze. Senza di noi sarebbero stati attaccati e poi passammo in clandestinità”) - risponde: “Non ci fu una persona che disse… L’avvocato Adriano Cerquetti [ex difensore di Francesca Mambro, scomparso nel 2003, ndr] disse che ci stavano accusando della strage. Se avessimo voluto uscire, bastava accusare Vale”, morto anche lui (fu ucciso in uno scontro a fuoco con le forze dell’ordine il 5 maggio 1982).

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Processo strage di Bologna: Pazienza chiede di essere convocato

Strage di Bologna, Francesca Mambro: ''Nulla di cui vergognarmi''

Processo Cavallini: secondo giorno di Ciavardini

Strage Bologna: Ciavardini (possibile) indagato per reticenza

Strage Bologna, processo Cavallini: una nuova perizia sugli esplosivi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa