Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca In appello regge la sentenza del blitz ''Apocalisse''

Mafie News

In appello regge la sentenza del blitz ''Apocalisse''

palazzo di giustizia tribunale palermoSostanzialmente confermate condanne per 97 tra boss e gregari
di AMDuemila
Ha retto in appello l'impianto accusatorio della procura di Palermo del processo denominato Apocalisse che vedeva imputati a vario titolo di mafia, estorsione, danneggiamento e intestazione fittizia di beni 97 tra boss e gregari delle cosche di Tommaso Natale, San Lorenzo e Resuttana. La corte d'appello di Palermo ha sostanzialmente confermato, seppure con qualche riduzione di pena, la sentenza emessa dal gup in primo grado che condannò gli imputati a oltre cinque secoli di carcere. Quattro dei trenta assolti dal gup sono stati condannati e per due sono scattate le manette al termine dell'udienza. Alla sbarra capimafia di prima grandezza come Girolamo Biondino, fratello di Salvatore, l'autista di Totò Riina, condannato a 13 anni e 8 mesi, Antonino Di Maggio, che ha avuto 10 anni e 6 mesi, Giuseppe Fricano, che ha avuto 13 anni e due mesi e Sandro Diele condannato a 14 anni e otto mesi. In primo grado il processo, nato da un maxi blitz contro le cosche mafiose dei quartieri occidentali di Palermo, fu istruito dai pm Roberto Tartaglia, Amelia Luise e Annamaria Picozzi. L'accusa in appello è stata sostenuta dal pg Rita Fulantelli. Il dispositivo è stato letto nell'aula bunker del carcere Pagliarelli. Ai tre collaboratori di giustizia condannati, Vito Galatolo, Silvio Guerrera e Giovanni Vitale detto Il Panda, la corte ha riconosciuto l'attenuante speciale prevista dalla legge per i pentiti che abbiano dato un contributo rilevante all'istruttoria del processo. A Vitale, che raccontò del progetto di attentato all'ex pm di Palermo Nino Di Matteo, in primo grado l'attenuante era stata negata. La corte ha confermato l'assoluzione, tra gli altri, del boss di San Lorenzo Giulio Caporrimo. La corte d'appello di Palermo che oggi ha condannato a circa 5 secoli di carcere 63 tra boss e gregari delle cosche mafiose palermitane di San Lorenzo, Resuttana e Tommaso Natale ha confermato anche i risarcimenti dei danni disposti in primo grado alle parti civili costituite, estendendo ai 4 imputati assolti dal gup l'onere di riparare il danno. Tra le parti civili ventimila euro sono stati riconosciuti al Commissario straordinario del Governo per le iniziative antiracket, 15mila all'associazione Addiopizzo, 10mila a Confindustria e Confesercenti e 5mila euro a Sos Impresa, Solidaria Scs e al Coordinamento delle vittime dell'estorsione, dell'usura e della mafia. I singoli imputati sono poi stati condannati a risarcire complessivamente oltre 220mila euro alle vittime del racket (imprenditori e commercianti) costituite parte civile. Il maxi processo - una tranche è stata celebrata col rito ordinario - nasce da due operazioni di polizie che tra il 2014 e il 2015 azzerarono i clan della parte occidentale della città.

Fonte: ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa