Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Borsellino, Falcone e la pistola in mano

Mafie News

Borsellino, Falcone e la pistola in mano

A Milano sfregiato il murales dei due giudici
di AMDuemila
Poche settimane fa, nei muri di Firenze erano apparsi i disegni con il volto del Capo dei Capi, Totò Riina. Ieri, anche a Milano i “murales” sono tornati a parlare. Stavolta però non ci sono volti di boss mafiosi ma un vero e proprio sfregio all’immagine di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, due simboli della lotta alla mafia.
Qualcuno ha disegnato, in corso di Porta Ticinese a Milano, una pistola in mano al giudice ucciso dalla mafia a Capaci - come si vede in foto - mentre spara in fronte al collega ed amico. A denunciare l’episodio è stato lo speaker radiofonico Alvise Salerno che ha pubblicato la foto su Facebook. "Qualche idiota ha deciso di disegnare una pistola rossa sulla mano di Falcone, che spara in fronte a Borsellino - commenta Salerno a corredo della foto -. Un simbolo, un segno di libertà e giustizia, massacrato brutalmente (...).  Milano, l'Italia intera, non può accettare questi gesti. Dietro un gesto, tanto stupido quanto schifoso, si può nascondere qualcosa di ancora più tragico. Falcone e Borsellino, oggi, sono morti una seconda volta". murales falcone borsellino intattoNumerosi i commenti di sdegno a cominciare dal sindaco di Milano Giuseppe Sala: “L'imbrattamento del murales dedicato ai giudici Falcone e Borsellino è un gesto ignobile, non ferma la lotta alla mafia che Milano porta avanti ogni giorno con coraggio".
Colpisce il fatto che Milano, come Firenze, è una delle città colpite dalle stragi del 1993. Una ferita aperta così come quella delle bombe del 1992. Purtroppo nell’ultimo anno non è questo il primo episodio in cui il ricordo dei due giudici palermitani uccisi dalla mafia viene oltraggiato. Era successo qualche mese fa a Serradifalco, in provincia di Caltanissetta, dove il murales che ritrae la famosa foto scattata da Antonio Gentile è stato rovinato da ignoti che hanno oscurato i volti di Falcone e Borsellino. E poi ancora lo scorso luglio, proprio pochi giorni prima dell'anniversario della strage di via d'Amelio, a Palermo si sono ripetuti addirittura due atti vandalici contro l'immagine di Falcone in due scuole della città.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca