Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca La giornalista Mariagrazia Mazzola picchiata dalla moglie di un boss

Mafie News

La giornalista Mariagrazia Mazzola picchiata dalla moglie di un boss

mazzola mariagrazia facebookL'inviata del Tg1: “Viva la stampa libera”
di AMDuemila
La giornalista Rai Mariagrazia Mazzola, che fin dall'inizio della sua carriera si è occupata di mafia, stava raccogliendo del materiale per una nuova inchiesta sulle baby gang e per questo motivo si era avvicinata all'abitazione del boss del quartiere Libertà di Bari, Lorenzo Caldarola (capoclan degli Strisciuglio), per intervistare il figlio Ivan, arrestato poche settimane fa per droga. Ma la moglie di Caldarola, Monica Laera, ha respinto la giornalista, aggredendola e sferrandole degli schiaffi. La giornalista è stata poi condotta al Pronto soccorso del Policlinico di Bari, dove è stata sottoposta a visita otorinolaringoiatra per il forte dolore all'orecchio sinistro.
E' accaduto ieri pomeriggio a Bari, a poche decine di metri dalla parrocchia del Redentore dove in mattinata si era tenuto un incontro di Libera con don Luigi Ciotti.
La vittima ha raccontato di essere stata aggredita per il solo fatto di aver chiesto un'intervista. “Non sono stata insistente - ha spiegato all'uscita del pronto soccorso la Mazzola - ho posto delle domande e lei mi ha aggredita”. E poi ha concluso: “Le domande bisogna farle, viva l'informazione libera”. La signora Laera, tramite i suoi legali Giancarlo Chiariello e Attilio Triggiani, ha fatto sapere di aver solo allontanato la giornalista per un braccio dopo averla ripetutamente pregata di andare via perché in lutto. Anche se le riprese mostrano più di un tentativo di aggressione da parte della signora Caldarola. Dopo aver ricevuto le cure, la Mazzola è stata ascoltata dal procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, poi dal pm Baldo Pisani e dagli agenti della Squadra mobile che conducono le indagini.
Alcuni dei rappresentati dell'associazione Libera si sono recati in Pronto soccorso per far sentire la vicinanza dell'associazione di don Luigi Ciotti. “Questi episodi - ha commentato don Ciotti - dimostrano che proprio nei quartieri difficili come Libertà non bisogna abbassare la guardia ma offrire ai giovani servizi, istruzione, valori per aiutarli a non diventare manodopera della criminalità”.
A commentare la vicenda è stato anche il giornalista di Nemo, Daniele Piervincenzi, anch'esso aggredito ad Ostia da Roberto Spada. In un intervista quest'oggi a “La Repubblica” ha detto: “Per noi giornalisti “di strada” è diventato pericoloso fare il nostro lavoro. Non ha più a che fare con la libertà d'informazione, è una sorta di spia rossa che si accende nella nostra società e ci dovrebbe imporre una riflessione”. Anche Piervincenzi era stato nel quartiere Libertà e su questo ha concluso: “Girando per Bari, come per Catania o per Ostia è diventato evidente che non siamo più liberi di porre domande, ci sono zone del nostro Paese dove non siamo più al sicuro”.
Sono subito arrivati i messaggi di solidarietà da parte delle istituzioni locali e nazionali, come anche dalle associazioni e dai partiti politici che hanno condannato l'episodio. Ora per rispondere a questo episodio di violenza i cittadini si stanno già mobilitando. Infatti, il penalista barese Michele Laforgia ha lanciato la proposta di una marcia nel quartiere Libertà domenica prossima. Un fatto è certo, l'informazione d'inchiesta è sempre più minacciata con violenza, da parte di chi non gradisce che vengano alla luce circostanze che devono restare tra le mura dell'omertà. Ma affinché quei muri vengano sgretolati, è di vitale importanza il lavoro di informazione d'inchiesta e di giornalisti come la Mazzola o Piervincenzi, che hanno il coraggio di porre domande laddove non sono ben accette. Ed anche noi di ANTIMAFIADuemila ci schieriamo al fianco di Maria Grazia Mazzola.

ARTICOLI CORRELATI

Chiuso per mafia: il reportage di Maria Grazia Mazzola su Sedriano

Speciale Tg1, giornalismo civile

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa