Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca ''La politica deve controllare sé stessa. Se questo non avviene, spetta all'elettore''

Mafie News

''La politica deve controllare sé stessa. Se questo non avviene, spetta all'elettore''

De Raho: “Siamo lontani dall'etica del cambiamento”
di AMDuemila
“La prima selezione deve essere fatta dai partiti. La politica deve guardare dentro di sé e portare all'elettorato gli uomini migliori. Quelli che potranno garantire una barriera rispetto alle corruzioni, alle collusioni, ai comportamenti mafiosi. Altrimenti la gente non riuscirà a credere in questo Stato”. Con queste parole si è pronunciato al “Il Fatto Quotidiano” il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, analizzando le situazioni e le scelte dei partiti politici in vista delle prossime elezioni del 4 marzo. Alla domanda riguardo i numerosi candidati indagati per 'ndrangheta in Calabria, il procuratore ha risposto: “In territori come la Calabria credo che la situazione equivoche continuano a determinare e a favorire quella confusione che è la prima forza delle mafie. Alla fine i soggetti che rappresentano la società, quelli che gestiscono il potere legale sono quegli stessi che provengono dal mondo dell'illegalità”. I partiti politici, nel momento della scelta dei candidati, invece che tener conto del passato, hanno preferito presentare personaggi "impresentabili". “A volte si può anche ipotizzare che, dietro decisioni di questo tipo, ci sia la consapevolezza che il voto mafioso consente di spostare da un lato all'altro dell'arco costituzionale, il risultato elettorale. - ha evidenziato de Raho - E' evidente che sono questi i ragionamenti che fondano le scelte dei candidati”. E per evitare che all'interno della politica trapelino personaggi di questo tipo, si è parlato dell'adozione di un codice etico dei partiti e su questo il Procuratore ha commentato, dicendo che lo strumento è utile, ma “D'altro canto ci sono casi di soggetti portati alle elezioni pur avendo un passato dimostrativo di collusioni, contiguità e illegalità. E' certo che qui la risposta deve essere dell'elettorato”. E alla domanda se l'elettorato è pronto per rispondere con coscienza al non funzionamento dei partiti, de Raho ha concluso: “I risultati ce lo diranno. Riusciremo a capire se, finalmente, gli elettori faranno quella selezione che non è stata in grado di fare politica. Mi aspetto che, laddove ci sono presenze inquinanti, gli elettori riescano a dare una lezione definitiva ai partiti”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa