Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca D'Alì, chiesto soggiorno obbligato: rinuncia a candidatura

Mafie News

D'Alì, chiesto soggiorno obbligato: rinuncia a candidatura

dali antonio 500Il senatore era tra i candidati come sindaco di Trapani
di AMDuemila
La Dda di Palermo ha chiesto il soggiorno obbligato per il senatore di Forza Italia Antonio D'Alì. Il provvedimento è stato notificato agli avvocati Gino Bosco, Stefano Pellegrino e Arianna Rallo, suoi legali difensori, e sarà discusso all'udienza che si celebrerà davanti al tribunale, fissata per luglio. Il senatore si era candidato per correre alle elezioni come sindaco di Trapani, e l'atto è stato consegnato ieri pomeriggio, qualche ora dopo la chiusura delle liste.
Il senatore di Fi, a seguito del provvedimento della procura, ha scelto di abbandonare la campagna elettorale. "La persecuzione giudiziaria continua. Due volte assolto e nuovamente aggredito" ha dichiarato D'Alì. Lo scorso settembre D'Alì era stato assolto in appello dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa per i fatti avvenuti dopo il 1994. Ma per gli anni precedenti, in realtà, i reati erano stati riconosciuti, anche se caduti in prescrizione. La decisione della Procura è stata quella di avvalersi degli indizi a carico dell'imputato per sostenere la sua pericolosità sociale, facendo richiesta del soggiorno obbligato a Trapani.
Secondo la corte d’appello di Palermo D'Alì ha contribuito al rafforzamento di Cosa nostra almeno fino al 1994 "con coscienza e volontà". Di lui hanno parlato una serie di collaboratori di giustizia, in merito alla sua “piena disponibilità nei confronti dei massimi esponenti della mafia trapanese”, non legata a patti siglati con i boss, che ad ogni modo gli hanno dato il loro “appoggio elettorale” ai tempi della prima candidatura al Senato. La prescrizione, però, ha fatto sì che il senatore evitasse la condanna a 7 anni e 4 mesi per concorso esterno a Cosa nostra.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta