Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Il Csm nomina Lombardo procuratore aggiunto di Reggio Calabria

Mafie News

Il Csm nomina Lombardo procuratore aggiunto di Reggio Calabria

lombardo giuseppe c paolo bassani 2014 2di AMDuemila
Il nuovo procuratore aggiunto di Reggio Calabria è Giuseppe Lombardo, sostituto procuratore del capoluogo calabrese nominato all'unanimità dalla quinta commissione del Consiglio superiore della magistratura. A giorni si attende la pronuncia del plenum.
Lombardo è uno dei magistrati di punta della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Da anni il pm si occupa di inchieste sui complessi intrecci tra mafia, politica, massoneria ed imprenditoria, oltre ad aver coordinato l'arresto di alcuni dei più importanti boss di 'Ndrangheta. Tra le più recenti, l'inchiesta “Mammasantissima”, sfociata nell'operazione che ha coinvolto il senatore di Gal Antonio Stefano Caridi, gli avvocati Paolo Romeo e Giorgio De Stefano, l'ex dipendente della Regione Francesco Chirico e l'ex sottosegretario regionale Alberto Sarra. Al centro delle indagini una struttura segreta e verticistica, composta da personaggi sconosciuti e “invisibili”, colletti bianchi che manovrano l'infiltrazione della 'Ndrangheta nei vari livelli istituzionali.
Lombardo, più volte destinatario di messaggi intimidatori, è attualmente pubblico ministero al processo Gotha, che vede alla sbarra presunti componenti della cupola degli “invisibili”, tra cui lo stesso Caridi. Il processo è infatti il risultato dell'unione delle inchieste “Mammasantissima”, “Fata Morgana”, “Sistema Reggio”, “Alchemia” e “Reghion”. Il magistrato ha anche coordinato l'inchiesta (per la quale si sta celebrando il processo “Breakfast”) che vede tra gli imputati l'ex ministro dell'interno Claudio Scajola accusato di aver favorito la latitanza di Amedeo Matacena, ex parlamentare di Forza Italia condannato a tre anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, attualmente latitante a Dubai. Scajola, per l'accusa, avrebbe programmato il suo spostamento dagli Emirati Arabi al Libano.

Foto © Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia