Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Cassazione: ''De Mauro ucciso dalla mafia ma Riina non è mandante''

Mafie News

Cassazione: ''De Mauro ucciso dalla mafia ma Riina non è mandante''

de mauro mauroDepisitate le motivazioni della sentenza. "Aveva notizie sulla morte di Mattei"
di Aaron Pettinari
La condanna a morte di Mauro De Mauro, giornalista de “L'Ora”, “fu decisa ed eseguita da uomini di 'Cosa Nostra' e la relativa causale è individuabile nelle informazioni riservate di cui la vittima era entrata in possesso in relazione alla sua attività professionale verosimilmente, anche se non certamente, riconducibili, secondo le risultanze del processo di merito, al coinvolgimento di esponenti mafiosi nella morte di Enrico Mattei, più che nella vicenda relativa al tentativo di golpe cosiddetto Borghese”. Così è scritto nero su bianco nelle motivazioni della sentenza della Cassazione che il 4 giugno 2015 ha assolto Totò Riina, accusato di essere il mandante dell'omicidio del cronista siciliano rigettando il ricorso del Pg di Palermo.
Secondo la Suprema corte “gli elementi di prova raccolti sia di natura storico-dichiarativa che di natura logico-indiziaria, che sono stati puntualmente e congruamente analizzati e valutati, nella loro valenza singola e complessiva, da entrambe le sentenze di merito (anche in primo grado, nel 2011, Riina era stato assolto da tale accusa, ndr), all'esito di una disamina scrupolosa che costituisce il risultato congiunto delle ampie argomentazioni spese dalle Corti territoriali di primo e di secondo grado, non hanno tuttavia permesso di accertare un ruolo diretto o indiretto dell'imputato nel delitto”, e la conseguente conclusione assolutoria (per non aver commesso il fatto) “risulta coerente a una corretta lettura delle emergenze processuali ed è perciò incensurabile in sede di legittimità”.

La Cassazione ritiene “inaffidabili” le dichiarazioni rese in appello dal pentito Francesco Di Carlo il quale al processo d'appello aveva riferito che De Mauro sarebbe stato ucciso perché aveva appreso del golpe Borghese. In particolare Di Carlo aveva raccontato di avere accompagnato Riina nell'abitazione del capomafia Giuseppe Giacomo Gambino per un summit tra boss qualche settimana prima del rapimento di De Mauro. Sia Riina sia il mafioso Stefano Bontade gli avrebbero raccontato che proprio nel corso di quella riunione, alla quale lui non avrebbe partecipato, sarebbe stato deliberato il delitto in quanto c'era l'ordine da Maletti e dal generale Miceli “di impedire che fossero divulgate” le informazioni in possesso del giornalista. Questo dettaglio in passato non era stato riferito da Di Carlo.
Per la Cassazione, non è assolutamente provata l'esistenza di un "triumvirato" preposto al governo di Cosa nostra, del quale nel 1970 avrebbero fatto parte Bontate, Badalamenti e Riina, dal momento che la maggior parte dei collaboratori (Buscetta, Mutolo, Calderone, Grado e Mannoia) hanno attribuito al solo Bontade, e non al Riina - che all'epoca era un personaggio secondario nell'organigramma mafioso - l'organizzazione dell'omicidio di De Mauro.
A compiere il delitto furono proprio uomini di Bontade, Emanuele D'Agostino, Girolamo Teresi e Antonino Grado.
Inoltre, sempre altri pentiti, hanno indicato nell'indagine sulla morte del presidente dell'Eni Mattei come la causale dell'omicidio. Secondo la Cassazione dunque rimangono “insuperabili” dubbi “sull'individuazione degli autori della deliberazione omicida” e sulla sua “genesi concreta”. Un bollo definitivo su un caso che, a oltre 45 anni di distanza, sembra davvero essere destinato a rimanere senza una completa verità.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa