Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Processo Aemilia a rischio trasferimento

Mafie News

Processo Aemilia a rischio trasferimento

toga web8Mancano i soldi per mantenerlo a Reggio Emilia
di Sara Donatelli
“Ho inviato ieri al Ministero della Giustizia una lettera. Che si assuma la responsabilità politica su dove dovrà essere celebrato il processo Aemilia.  Allo stato attuale, il dibattimento non si può tenere a Reggio Emilia”. E’ questo l’atto d’accusa del presidente del tribunale di Reggio Emilia, Francesco Maria Caruso. Parole dure, durissime, pronunciate durante il convegno organizzato dall'Ordine dei commercialisti reggiani dal titolo «Contrasto alla attività delle organizzazioni criminali e gestione dei beni sequestrati e confiscati». Il Presidente Caruso ha sottolineato il fatto che una soluzione fattibile per mantenere il processo in Emilia Romagna, in realtà, esisterebbe già: si tratterebbe di allestire una tensostruttura nel cortile del tribunale, con una serie di interventi aggiuntivi inerenti alla sicurezza. “Ma sono necessari circa 100mila euro e nessuno si è detto disponibile a impiegare nemmeno un euro. Non c'è un euro per l'operazione Aemilia”.

Le udienze preliminari del processo Aemilia si stanno tenendo presso il padiglione 19 della BolognaFiere. Una volta terminata questa prima fase, il procedimento penale entrerà nel vivo del suo pieno svolgimento, ma il rischio di un decentramento a Firenze si fa sempre più concreto. Ed è un rischio che comporterebbe non solo un rallentamento del processo (i giudici, i cancellieri e i fascicoli dovrebbero essere trasferiti nel capoluogo toscano) ma si priverebbe l’intera regione di un’occasione unica: la possibilità di seguire un processo che sta svelando come la presenza della ‘ndrangheta abbia influenzato l’economia e la politica locale. Subito dopo il Presidente Francesco Maria Caruso, ha preso la parola anche il Sostituto Procuratore della DDA di Bologna Marco Mescolini, che insieme ai colleghi Beatrice Ronchi ed Enrico Cieri, rappresenta l’accusa all’interno processo. “Non posso non raccogliere la preoccupazione del presidente del tribunale di Reggio Emilia. A Bologna, però, la Regione ha fatto uno sforzo mostruoso per riuscire ad allestire l'aula bunker per l'udienza preliminare, per cui credo che si riuscirà a fare anche il dibattimento qui a Reggio Emilia”. L’aula che dovrà ospitare la fase dibattimentale del processo dovrà avere dimensioni considerevoli, considerando il fatto che, oltre alla presenza dei 150 imputati che hanno optato per il rito ordinario, dovrà ospitare avvocati, parti civili ed anche il pubblico che vorrà assistere alle udienze. Si tratterebbe, in poche parole, di costruire una vera e propria aula bunker. Nel frattempo, durante l’ultima udienza, Giulio Gerrini, ex capo ufficio Lavori Pubblici del Comune di Finale Emilia, ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato. Tutto ciò comporterebbe, in caso di condanna, lo sconto di un terzo della pena e la non audizione di testimoni che, in realtà, sarebbe molto importante ascoltare (come ad esempio il sindaco Fernando Ferioli e l’assessore Angelo D’Aiello). Gerrini, accusato di abuso d'ufficio continuato con l'aggravante di aver favorito l'associazione con la sua condotta,  ha presentato una memoria difensiva e potrà chiarire la sua posizione in merito ai suoi rapporti con l'impresa Bianchini Costruzioni Srl e alle strategie adottate nei numerosi appalti post sisma, a partire dall'11 gennaio, data in cui avrà inizio il procedimento penale per tutti coloro che hanno richiesto di essere giudicati con riti speciali.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa