Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Scorta civica, torna il presidio

Mafie News

Scorta civica, torna il presidio

IMG 7585di AMDuemila
Con la ripresa delle udienze del processo trattativa Stato-mafia è ricominciato anche il presidio di Scorta civica, il cartello di associazioni e cittadini che per sostenere i magistrati minacciati dalla mafia, e in particolare il pm Nino Di Matteo, ha dato vita ad un raduno quotidiano che si ripete da quasi due anni. L’iniziativa nasce a gennaio 2014 a seguito della condanna a morte pronunciata da Riina in carcere nei confronti di Di Matteo, che insieme ai pm Teresi, Del Bene e Tartaglia celebra il processo sulla trattativa Stato-mafia a Palermo. IMG 7579Da allora il movimento ha dato vita a una serie di manifestazioni, incontri pubblici e nelle scuole per tenere alta l’attenzione sul territorio locale e nazionale.
Dopo la conclusione della pausa estiva Scorta civica riprende a manifestare solidarietà ai magistrati antimafia, per il momento lunedì, mercoledì e giovedì, con un gazebo di fronte al Tribunale di Palermo (il giovedì si sposta all’Ucciardone per seguire l’udienza del processo trattativa). In programma una serie di eventi sui temi della legalità, della giustizia e della verità.
Di recente un altro pentito, Francesco Chiarello, ha confermato la presenza del tritolo arrivato a Palermo per organizzare un attentato contro Di Matteo. A seguito della conferma di quanto già precedentemente riferito dal pentito Vito Galatolo, l’intenzione di Scorta civica è proprio quella di tenere ancora più viva l’attenzione, soprattutto di fronte al vuoto istituzionale che è stato creato attorno al processo trattativa Stato-mafia,IMG 7586 in quanto non è ancora pervenuta alcuna solidarietà da parte delle più alte cariche dello Stato nei confronti del sostituto procuratore di Palermo. Nonostante ciò, Scorta civica ha finora riunito numerosi movimenti e cittadini comuni: tra le proposte per l’immediato futuro, quella di una manifestazione nazionale per smuovere la coscienza civile ma soprattutto chiedere a gran voce una concreta manifestazione di vicinanza da parte delle istituzioni per Di Matteo.

ARTICOLI CORRELATI

"Scorta civica" per i pm minacciati dalla mafia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa