Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Gratteri: "Io combattuto da centri di poteri ma resto libero"

Mafie News

Gratteri: "Io combattuto da centri di poteri ma resto libero"

gratteri nicola web14Il magistrato alla “Giornata della legalità” a Roma
di AMDuemila
“Vengo combattuto dai centri di poteri che hanno molta forza all’interno delle istituzioni. Vuol dire che qualcosa sto facendo. Fra un anno me ne devo andare da Reggio Calabria per scadenza di mandato. Dopo otto anni di specializzazione anti ‘ndrangheta devo andare in giro a cercare altro sperando questa volta che i centri di poteri non siano anche lì. Posso anche fare il sostituto procuratore, l’importante è rimanere libero. Io vivo sotto scorta dal ’93 ma sono un uomo libero”. A dichiararlo il magistrato di Reggio Calabria Nicola Gratteri a margine della “Giornata della legalità”, che ha avuto luogo oggi a Roma nella scuola della polizia penitenziaria, di fronte a tanti ragazzi delle scuole medie romane.

Di seguito, il pm si è soffermato sulla questione della pubblica amministrazione: “C’è un problema di quadri che gestiscono la cosa pubblica con metodo mafioso”, ha detto, puntato il dito contro “lo strapotere dei Tar, che va modificato“, perchè il meccanismo delle sospensive e dei ricorsi, per come è strutturato, “congela, paralizza l’Italia“. “La riforma della pubblica amministrazione e al suo interno quella delle norme sullo scioglimento dei comuni per mafia - ha aggiunto Gratteri - va fatta, ma non nel senso di una storiella che sta girando. Una storiella che dice che se si scopre un consigliere comunale che ha preso voti dalla mafia, si dimette quel consigliere e basta. Nel mondo della politica questa storiella sta girando: non vorrei si traducesse in un qualche emendamento“.
Uno studente ha poi domandato a Gratteri e agli altri magistrati presenti se temano l’attacco della mafia. “Capisco di avere paura quando ho la bocca amara - ha risposto il pm - a volte succede, per esempio quando, viaggiando di notte, vedi una luce in un punto in cui non dovrebbe esserci. Ma in genere non ho paura, ho una scorta dall’aprile dell’89 ma sono sempre stato un uomo libero, con la mia scorta. Detto questo, in Italia il 90% delle tutele sono inutili e circa il 60% delle scorte le abolirei”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa