Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Scarpinato sul Ddl intercettazioni: “Si disincentiva la denuncia dei reati”

Mafie News

Scarpinato sul Ddl intercettazioni: “Si disincentiva la denuncia dei reati”

scarpinato-c-barbagallo-big1di AMDuemila - 28 luglio 2015
L' emendamento che prevede il carcere fino a 4 anni per chi divulga riprese o audio registrati di nascosto ha come risultato quello di “disincentivare il contributo dei cittadini all'accertamento dei reati. Non solo quelli di mafia, ma anche la vasta fenomenologia della corruzione, degli abusi di potere e dei reati dei colletti bianchi commessi in segreto in un' atmosfera da omertà blindata”. E' il procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato, ad intervenire sulla questione in un' intervista pubblicata quest'oggi da il Fatto Quotidiano. In merito alla norma che dà solo tre mesi di tempo al pm per decidere, alla fine delle indagini preliminari, se chiedere il rinvio a giudizio o l' archiviazione, Scarpinato crede "che abbia un valido fondamento, che potenzi l' azione penale e che, con qualche ritocco, possa essere ancora migliorata per evitare possibili scompensi'”.

Infatti secondo il Pg se il pm non chiede né l' archiviazione né il rinvio a giudizio, "le indagini si paralizzano. Il legislatore si è mosso per rimuovere stasi anomale del processo”. Tuttavia, così come è, la legge andrebbe modificata in quanto “bisogna stare attenti a quei casi in cui non è possibile richiedere il rinvio a giudizio entro tre mesi previsti in modo tassativo a causa della complessità degli atti processuali, o del fatto che si attende ancora l' esito di indagini delegate o ancora per altre circostanze oggettive”. Per questo “un emendamento che preveda che in tali casi eccezionali, da motivarsi e documentarsi adeguatamente, il pm possa essere autorizzato dal giudice ad una proroga del termine, può costituire un correttivo funzionale”. 

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa