Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mafie News

Gioacchino Genchi reintegrato in polizia, si è espresso il Cga

genchi-c-giorgio-barbagalloDopo sospensioni e destituzioni al perito informatico viene resa giustizia
di Aaron Pettinari - 18 luglio 2015
“L’amministrazione di polizia ha mostrato una eccezionale pervicacia a procedere disciplinarmente nei confronti del proprio dipendente, facendo seguire con una scansione logica precisa gli atti utili ad addivenire alla irrogazione delle sanzioni, le quali poi hanno costituito la base per il successivo provvedimento di destituzione, al quale sembra invero essere stata preordinata l’intera azione amministrativa”.

Così il Tar di Palermo, nel luglio 2014, aveva ordinato l’annullamento della destituzione e di tutti i provvedimenti disciplinari e cautelari adottato nei confronti del vice questore Gioacchino Genchi. Un provvedimento che ora viene ribadito anche dal Consiglio di giustizia amministrativa, l'organo di appello del tribunale amministrativo regionale in Sicilia. In base alla sentenza Genchi dovrà essere reintegrato nella polizia di Stato dopo la destituzione avvenuta per vicende che definire assurda e paradossali è davvero poco. Un provvedimento che giunse dopo le sospensioni giunte per tre dichiarazioni quando gli stessi giudici del Tar hanno evidenziato come “l'Amministrazione non ha mai applicato un tale provvedimento neppure nei confronti di dipendenti macchiatisi di delitti oltremodo gravi”.
Tutto ha inizio tra il 2008 ed il 2009 quando il perito informatico, oggi avvocato, aveva espresso critiche su alcune vicende e polemiche che si erano sviluppate con l’inchiesta Why not, condotta dall’allora sostituto procuratore Luigi De Magistris. Su quelle indagini si stava consumando lo scontro tra Procure – Catanzaro e Salerno- tra avocazioni e revoche delle consulenze. Allora come oggi il tema delle intercettazioni telefoniche era particolarmente caldo e il premier di allora, Silvio Berlusconi, pubblicamente attaccò Genchi dicendo: “Sta per uscire uno scandalo che sarà il più grande della storia della Repubblica. Un signore ha messo sotto controllo 350mila persone”.
Sia Genchi che De Magistris sono stati condannati in primo grado dal Tribunale di Roma a un anno e tre mesi con l’accusa di abuso d’ufficio per aver acquisito utenze telefoniche di alcuni parlamentari. La difesa però sostiene che all’epoca si indagasse su utenze delle quali non si potevano sapere a priori le intestazioni dal momento che le utenze, spesso, erano intestate a società e persone terze. Di conseguenza, secondo gli avvocati difensori, i tabulati erano stati acquisiti da Genchi senza sapere chi utilizzasse quei telefoni. Questa condanna, però, arriva solo nel 2014, quando già sospensioni e destituzioni erano state abbondantemente applicate.

A colpi di provvedimenti
La prima sospensione arrivò dopo una concitata conversazione su Facebook tra Genchi e il noto giornalista Gianluigi Nuzzi, all’epoca a Panorama, che gli aveva dato del bugiardo. La seconda sospensione è stata applicata dopo un'intervista su Left.
La terza è arrivata nel 2010, quando l'ex questore si apprestava a rientrare, per le dichiarazioni rese al congresso dell’Italia dei Valori, in cui aveva parlato di Silvio Berlusconi e della statuetta lanciata da Massimo Tartaglia.
“Dopo l’outing della moglie di Berlusconi e il fuorionda (riferito a Fini a Pescara, ndr) provvidenziale è arrivata quella statuetta che miracolosamente ha salvato Berlusconi dalle dimissioni che sarebbero state imminenti” aveva commentato. Parole che gli costarono la destituzione per aver offeso “l’onore e il prestigio del Presidente del consiglio”, come recitava il provvedimento.
Adesso però per Genchi è arrivato il momento della giustizia con il Cga che, nonostante l'opposizione tentata dal Ministro Alfano, ha confermato quanto deciso in primo grado dal Tar ovvero che “si palesa nel provvedimento sanzionatorio addirittura un intento persecutorio nei confronti del ricorrente, laddove si usa l’avverbio ‘pervicacemente’ rispetto ad una condotta nemmeno ascrivibile con certezza al funzionario; ad avviso del Collegio, è invece l’Amministrazione che ha mostrato una eccezionale pervicacia a procedere disciplinarmente nei confronti del proprio dipendente”.
Secondo i giudici “risulta erronea l’affermazione dell’Amministrazione secondo cui l’apprezzamento della gravità delle dichiarazioni rese da un soggetto rientri tra le valutazioni discrezionali dell’amministrazione”. Ciò significa che Genchi ha semplicemente espresso una propria opinione. Genchi, intervistato dal Fatto Quotidiano, ha così commentato la sentenza: “Se al Viminale hanno rispetto del giudicato della magistratura dovrebbero riammettermi in servizio nelle prossime 24 ore. Così potrò finalmente rientrare al lavoro, anche se ho già maturato l’età pensionabile. In molti nelle Istituzioni dovrebbero chiedermi scusa. Voglio augurarmi che questo governo sappia riconoscere gli errori della precedenti amministrazioni. Conoscere il passato è fondamentale.
Io dopo sei anni ho avuto giustizia, le vittime della strage di via D’Amelio e i loro familiari ancora attendono giustizia per una strage che ha indubbiamente avuto un movente politico e coinvolgimenti istituzionali, anche nei depistaggi”.

Foto © Giorgio Barbagallo

ARTICOLI CORRELATI

Il TAR di Palermo annulla la destituzione di Gioacchino Genchi dalla Polizia


DOSSIER DE MAGISTRIS

- Caso De Magistris: Genchi diffidato, Manganelli intervenga - di Giorgio Bongiovanni

- Manganelli canterini -
di Marco Travaglio

- Genchi sospeso, la solidarietà di Rifondazione


- P2, P3, P4... Uno alla volta, nottetempo, casa per casa -
di Carlo Vulpio

- Per una nuova resistenza: I sit-in per Gioacchino Genchi - di Salvatore Borsellino

- Caso Genchi: doverosa precisazione al Corriere della Sera -
di Redazione

- In viaggio con Luigi (De Magistris) -
di Pietro Orsatti

- ''Why yes''. De Magistris parla della nuova massoneria -
di Pietro Orsatti

- Caso De Magistris: le ragioni della mia candidatura e i perche' della mia delegittimazione
- di Redazione

- Senza tregua
- di Redazione

- Caso De Magistris. Ultima fermata: via d’Amelio - di Monica Centofante

- Genchi: Precisazione all'articolo di Travaglio


- Continuano le truffe sui “numeri” della stampa di regime - di Gioacchino Genchi

- Caso De Magistris: solidarieta' a Gioacchino Genchi

- Genchi: trascrizione dell’intervista da cui il servizio pubblicato su Left

- Adesso parlo io -
di Pietro Orsatti - left 13 marzo 2009

- Dichiarazioni dell'avv. Fabio Repici, difensore di Gioacchino Genchi


- Caso De Magistris: ''Ho pagato per aver fatto il mio dovere''
di Monica Centofante

- Dopo Rutelli, Gasparri e Farina, la staffetta del mio linciaggio è ripassata a Cicchitto


- Caso De Magistris: Prodi come Mastella - a cura di Monica Centofante

- Minculpopolo della Liberta' - di Marco Travaglio

- Intervista a Gioacchino Genchi (
dal blog di Beppe Grillo 27-2-09)

- Sentenza d'appello Bagliesi: determinante la consulenza di Genchi


- Caso De Magistris: nuovo processo al Csm - di Monica Centofante

- Caso De Magistris: Genchi ''Cosi' continuano a prendere in giro gli italiani!'' -                     di Gioacchino Genchi

- Sotto il tiro delle armi bianche - Intervista a Gabriella Nuzzi a cura di Monica Centofante

- Caso De Magistris: Il riesame smentisce lo scandalo
- di Filippo De Lubac

- Il comunicato di Gioacchino Genchi

- Genchi su Annozero: i numeri della bufala - di Monica Centofante

- De Magistris e Genchi davanti al Copasir: la strategia mediatica - di Monica Centofante

- Quel che non si deve sapere. Riflessioni su Piazza Farnese - di Anna Petrozzi

- Caso De Magistris: ora sotto accusa Gioacchino Genchi - di Monica Centofante