Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Minacce a Borrometi, perquisizioni: trovate 100 cartucce

Mafie News

Minacce a Borrometi, perquisizioni: trovate 100 cartucce

borrometi-paolo-rai2di AMDuemila - 27 maggio 2015
Un centinaio di cartucce, idonee per diversi tipi di pistole e fucili, sono state ritrovate nel corso di decine di perquisizioni a carico di soggetti che avevano minacciato Paolo Borrometi, giornalista di Ragusa e direttore del sito laspia.it, che nelle sue inchieste giornalistiche denuncia la mafia a livello internazionale e del ragusano. Le perquisizioni sono avvenute presso le abitazioni ed i luoghi di lavoro di soggetti residenti a Ragusa, Vittoria e Comiso. Al termine degli accertamenti, la Polizia di Stato ha esposto una denuncia nei loro confronti per il reato di minacce gravi.
Il pluripregiudicato LM.I., 25 anni, ed il fratello LM.V., 28 anni, sono stati denunciati per detenzione illegale di munizioni d’arma da fuoco. Nel garage della loro abitazione è stata rivenuta anche un’ogiva che sarà inviata alla Polizia Scientifica per le analisi balistiche del caso. Alcuni dei soggetti denunciati erano già sottoposti a misure di prevenzione imposte dal Questore di Ragusa, con le prescrizioni di cambiare condotta. Ora, con tutta probabilità, sarà proposto un aggravamento della misura, mentre a carico di chi non aveva ancora pregiudizi penali saranno proposte nuove misure, così da permettere loro di non delinquere ulteriormente.

Tra le minacce indirizzate a Borrometi, in molti casi da parte di soggetti legati da rapporti di parentela con persone arrestate, anche la pubblicazione di foto di uno dei denunciati con un fucile in mano con la scritta "Sempre pronti siamo per gli sbirri tranquilli…". E a seguito della pubblicazione di articoli contro la criminalità organizzata locale, parenti e “simpatizzanti” degli arrestati commentavano la notizia con insulti e minacce di morte per il giornalista che aveva “osato” fare il proprio lavoro esercitando il diritto di cronaca.
borrometi-foto-fucileIl mese scorso erano poi pervenute ingiurie da internet e Facebook, con i messaggi di tre individui ritenuti vicino alla mafia ragusana che avevano commentato l’ultimo articolo di Borrometi con parole offensive, imponendo al giornalista di smettere di scrivere e “rumpere i c...”. Ad aprile 2014, invece, era stato aggredito e picchiato all'esterno della sua abitazione da due sconosciuti, mentre pochi mesi dopo qualcuno durante la notte aveva appiccato il fuoco alla porta di casa.
"Devo ringraziare costantemente le forze dell'ordine che non sottovalutano mai niente  ed anzi cercano sempre di stare affianco di chi cerca di fare il proprio lavoro - ha detto il cronista Borrometi, preoccupato del ritrovamento delle cartucce senza le armi. "Ad ogni modo si va avanti, non ci si ferma -ha concluso il giornalista - con la  speranza che questi episodi possano finire e che i responsabili possano sempre essere consegnati alla giustizia."

ARTICOLI CORRELATI

"Smettila di rompere i c..": messaggi intimidatori al giornalista Borrometi

Paolo Borrometi: “Il silenzio è la peggiore delle aggressioni”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa