Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Cosa nostra e il timore dei pentiti come Brusca e l'innominato Vitale

Mafie News

Cosa nostra e il timore dei pentiti come Brusca e l'innominato Vitale

giudice-vincenzodi Aaron Pettinari - 26 maggio 2015
Vincenzo Giudice (in foto) si ritiene un duro, con lo stesso stampo di Gianni Nicchi. “Io sono come a Gianni” diceva alla moglie Francesca Paola Motisi. E' anche grazie alle intercettazioni ambientali compiute tra il 7 ed il 9 settembre 2012 dei i dialoghi tra i due che gli inquirenti hanno ottenuto importanti riscontri nell'ambito dell'operazione “Verbero” che ha portato oggi all'arresto di 39 persone. E' Vincenzo Giudice infatti a parlare del ruolo di Perrone ed Alessi in seno al mandamento di Pagliarelli. Alla donna svela anche alcuni contrasti a causa delle “decisioni autonome” di Perrone come quella di sostenere economicamente le famiglie di cinque carcerati a lui più vicini, senza coinvolgere gli altri rappresentanti a lui affiancati nella gestione della cassa comune.

Ma i due parlano anche dei propri timori su eventuali nuove collaborazioni con la giustizia. Il motivo di discussione è dato dalla presenza, in data 2 settembre 2012, di un controllo della polizia nei confronti di “belli capelli” Alessi, trattenuto in Commissariato per diverse ore. Ed è in questa occasione che i due fanno alcuni nomi di chi, tra gli associati, potrebbe pentirsi e chi invece non lo farebbe mai. In particolare la Motisi ipotizza che i pentimenti più probabili possano essere quelli dei soggetti che non hanno un pedigree mafioso, che non sono "di famiglia". Tra questi figurerebbe proprio Perrone mentre Alessi, come confermato dal marito, è un soggetto con pedegree mafioso. E' nell'ambito di questo discorso che Giudice si paragona a Nicchi, anche se la moglie teme “che in uno stanzino chiuso” possa nascere “l'inghippo”. “Quello si è pentito... - dice la donna - Brusca... chi se lo sarebbe mai... voglio dire pure cognome”. E il boss replica: “Vitale!”. Ma la donna lo rimprovera “Vitale!... Non si può dire!”.

ARTICOLI CORRELATI

Il triumvirato di Pagliarelli: Alessi, Perrone e Giudice

Decapitato il triunvirato a capo del clan Pagliarelli

Operazione Verbero, Lo Voi: “Chi dice che la mafia è sconfitta si è distratto”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa