Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Mafia Capitale, Orlando firma e Carminati va al 41-bis

Mafie News

Mafia Capitale, Orlando firma e Carminati va al 41-bis

orlando-andrea-2di AMDuemila - 24 dicembre 2014
Massimo Carminati, ritenuto il capo della mafia criminale, va al 41 bis. Lo ha deciso il ministro della Giustizia Andrea Orlando (in foto), che ha disposto il regime di carcere duro previsto dall'ordinamento penitenziario accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura di Roma, titolare delle indagini sulla mafia Capitale. Intanto dalle carte depositate ieri al Riesame, si scoprono altri dettagli dei rapporti tra i sodali dell’associazione. Ad esempio quello tra Carminati e l’imprenditore Cristiano Guarnera, ritenuto colluso dai pm di Roma Paolo Ielo, Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli. “Nel corso del mese di settembre 2014 – è scritto in una nota dei Ros depositata ieri - si registravano una serie di rilevanti acquisizioni dalle quali emergeva che Carminati, da un lato avesse incaricato il Guarnera di individuare alcuni terreni, da destinare a usi che restano tuttora da comprendere, dall’altro si fosse offerto a sua volta di aderire alle richieste dell’imprenditore, indirizzandolo verso due soggetti di fiducia: il gioielliere Laurenti Stefano per acquistare a un prezzo vantaggioso un orologio di pregio, e l’avvocato Esposito Antonio per la trattazione di questioni legate presumibilmente alle procedure di sfratto di alcune proprietà della famiglia Guarnera”. Sia Esposito che Laurenti non sono indagati e sono estranei alle indagini.

Il tribunale del Riesame di Roma dovrà decidere anche sulle istanze presentate dai difensori di alcuni degli indagati finiti agli arresti nell'ambito dell'inchiesta. Il collegio, presieduto da Bruno Azzolini, dovrà valutare le posizioni dell'ex amministratore delegato Ama, Franco Panzironi, di Sandro Coltellacci, Pierina Chiaravalle, Rossana Calistri (già agli arresti domiciliari), Luca Odevaine, e gli imprenditori Cristiano Guarnera e Giuseppe Ietto. La riserva del tribunale potrebbe essere sciolta già nella prossime ore.
Intanto il presidente dell'Anticorruzione, Raffaele Cantone ha notificato l'avvio del procedimento per la richiesta di commissariamento di due appalti affidati da Ama al Consorzio Nazionale Servizi (sede a Bologna) e alla Cooperativa Edera (sede a Roma). Sono i primi due appalti commissariati relativi all'inchiesta Mafia Capitale. Un iter che segue la procedura prevista dall'articolo 32 del decreto legge 90 che ha affidato più ampi poteri all'Authority. Le due aziende hanno ora 15 giorni di tempo per presentare un'eventuale memoria. Successivamente Cantone chiederà al prefetto di Roma di emettere i relativi decreti di commissariamento.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa