Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Stato mafia, Siino: “Guazzelli, un uomo per tutte le stagioni”

Mafie News

Stato mafia, Siino: “Guazzelli, un uomo per tutte le stagioni”

guazzelli-giulianoAudio
di Lorenzo Baldo - 16 ottobre 2014

Palermo. Un’ora e mezza dopo l’orario previsto è ripresa questa mattina l’audizione in videoconferenza del collaboratore di giustizia Angelo Siino al processo sulla trattativa Stato-mafia. Alla scorsa udienza il suo legale, Alfredo Galasso, aveva chiesto alla Corte uno slittamento di orario per un suo “impegno” davanti al Gip. Di fatto alla stessa ora l’avvocato dell’ex boss doveva essere davanti al giudice Giovanni Francolini in una causa per calunnia che lo vede indagato insieme ad Antonia Bertolino (titolare dell’omonima distilleria di Partinico, nonché cognata di Angelo Siino), a seguito di una denuncia di Enrico Somma. Il giornalista era stato a sua volta querelato per diffamazione quindici anni fa dalla Bertolino in merito ad un suo articolo apparso nel 1999 sul quotidiano “La Sicilia”. Nel 2008 il giudice monocratico Antonio Tricoli aveva prosciolto Somma stabilendo che il fatto non costituiva reato. Nel frattempo il cronista aveva denunciato la titolare della distilleria e il suo legale.

L’uomo per tutte le stagioni
“Quando ci fu l’accusa di vicinanza mafiosa del Mannino – racconta Siino – immediatamente partì l’input di mettersi a disposizione di Mannino da parte di Guazzelli (Giuliano Guazzelli, il maresciallo dei Carabinieri assassinato il 4 aprile 1992, ndr), me lo disse Rosario Cascio che sapeva della sua conoscenza con Mannino”. Rispondendo alle domande del pm Nino Di Matteo il pentito spiega che “Guazzelli non mi disse di essere amico di Mannino, ma che se gli avesse chiesto una cortesia gliel’avrebbe fatta”. Siino evidenzia quindi che nei primi anni ’70 c’era una certa vicinanza tra lo stesso comandante dei carabinieri ed i mafiosi: “L’ho visto incontrarsi con esponenti di Cosa nostra, con Rosario Cascio, una persona avvicinata dalla famiglia mafiosa di Castelvetrano Francesco Messina Denaro e da suo figlio, un confidente dei carabinieri. Guazzelli era un uomo per tutte le stagioni a volte era un amico altre volte era un nemico. Una volta l’ho visto uscire dopo aver incontrato Totò Di Gangi, reggente della famiglia di Sciacca, mi preoccupai ma mi dissero di non preoccuparmi, era la fine degli anni ’80”. guazzelli-giuliano-omicidio-ritmoQuindi aggiunge: “C’erano rapporti anche con Peppe De Caro, mi disse che non c’erano problemi con Guazzelli, me lo disse quando De Caro era latitante in contrada Grassa, contrada di Canicattì, questo episodio risale a qualche anno prima dell’uccisione del De Caro da parte degli stiddari. In quella giornata ero con Peppe Capizzi, con Di Gangi, e con Antonio Guarneri famoso latitante. Guazzelli l’ho visto che usciva da una stradella che era vicina a delle case dove si incontrava il De Caro con tutta la società mafiosa di Agrigento. Ho visto uscire una macchina dopo che è uscito Guazzelli ho visto che c’era De Caro. Ho chiesto a De Caro se c’era Guazzelli e lui mi disse di non preoccuparmi”. Ad un certo punto però l’opinione su Guazzelli cambia in Cosa nostra. “Cominciai a guardare Guazzelli non più come amico del colonnello Russo, e quindi amico mio, ma lo guardai con sospetto – ricorda Siino – De Caro mi disse si è un poco sbirro, è uno che si mette a disposizione. A Rosario Cascio dissi: ‘questo qui non mi piace perché sta domandando di me’”. (segue)

In foto: il maresciallo Giuliano Guazzelli e la Fiat Ritmo in cui è stato assassinato

AUDIO
20141016-proc-trattativa

ARTICOLI CORRELATI

Trattativa, Siino: "C’era il nome di Mannino nel rapporto del Ros"

Processo Mannino, mafia e appalti: la verità sul ruolo del Ros

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa