Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Brancaccio, ladri nel Centro Padre Nostro di don Puglisi

Mafie News

Brancaccio, ladri nel Centro Padre Nostro di don Puglisi

centro-padre-nostro-palermoPresidente: “Sapevano dove andare e cosa cercare, istituzioni ci aiutino o ci scapperà il morto"
di AMDuemila - 14 ottobre 2014
Nuovo atto intimidatorio al Centro di accoglienza Padre Nostro (in foto), fondato da don Pino Puglisi, il prete antimafia di Brancaccio ucciso da Cosa nostra nel ’93. Dopo la sua morte il centro ha continuato a crescere e ad ospitare varie attività in special modo a favore dei più giovani, bambini e ragazzi soprattutto appartenenti al quartiere, uno dei più degradati di Palermo. Questa volta la stanza del presidente del centro, Maurizio Artale, è stata messa a soqquadro ed è stato portato via il piccolo fondo cassa per le spese correnti contenuto in un cassetto.
"Questa crescita esponenziale di atti intimidatori faccia riflettere un po' tutti. L’opera del Centro è e rimarrà sempre scomoda alla mafia, ai balordi, agli ex-detenuti e ai detenuti in esecuzione penale che vogliono prendere punti ed accreditarsi davanti ai capibastone del quartiere” ha dichiarato Artale. "Questo è il compito che ci ha lasciato il nostro Fondatore, a saldo di tutte le chiacchiere che si fanno in giro. - ha poi continuato il presidente del centro - Questa volta chi è entrato sapeva dove andare e cosa cercare. Si sono diretti nella mia stanza, mettendola a soqquadro e nella stanza dell’amministrazione aprendo solo i cassetti dove si teneva un piccolo fondo cassa per le spese correnti”.

centro-padre-nostro-palermo1"Per cambiare questo quartiere e la mentalità che lo sovrasta, bisogna fare un lavoro di rete e sinergico con le Istituzioni” ha ancora commentato, lamentando però la scarsa tempestività delle istituzioni locali in merito: "Abbiamo “trattative sane" aperte con la Prefettura, con il Sindaco, con alcuni Dipartimenti della Regione Sicilia e con il Governo Nazionale per cambiare questa terra di mafia... Ma ad oggi si temporeggia... ci sono altre esigenze... appena ci scappa il morto, poi ci si penserà… Semmai questo dovesse accadere, date alle fiamme ciò che resta, tanto questa terra non diventerà mai bellissima” ha concluso.

Probabilmente ha ragione Maurizio Artale: se lo Stato si arrende di fronte a questi episodi allora significa che l’opera del Centro Padre Nostro dovrà continuare ad andare avanti da sola, con una bandiera bianca che sventola sulla strada davanti al Centro Padre Nostro a rappresentare la resa dello Stato. Gli uomini delle istituzioni hanno il dovere di fare sentire una vicinanza concreta e continuativa.

ARTICOLI CORRELATI

Roghi nei terreni del Centro Padre Nostro, bruciati oltre venti alberi da frutto

Ennesimo furto al centro fondato da P. Pino Puglisi a un mese dalla sua beatificazione

Sassaiola a Brancaccio ancora un attacco al Centro Padre nostro

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa