Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Zarcone in aula: “Confesso 50 estorsioni, io gestivo i rapporti con i palermitani”

Mafie News

Zarcone in aula: “Confesso 50 estorsioni, io gestivo i rapporti con i palermitani”

zarcone-antoninoIl neo pentito intervenuto con dichiarazioni spontanee al processo “Pedro”
di Aaron Pettinari - 10 ottobre 2014
“Dal 29 settembre collaboro con la giustizia, ho confessato cinquanta estorsioni e ho detto tante altre cose che non posso rivelare qui. Mi occupavo io di gestire i rapporti con i palermitani”. E' il neo pentito di Bagheria, Antonino Zarcone, a prendere la parola durante il processo d'appello “Pedro”, rilasciando dichiarazioni spontanee.
Il collaboratore di giustizia, già condannato in primo grado a 12 anni, ha preso la parola dopo che la corte aveva rigettato la richiesta di sentirlo in aula perché non indispensabile ai fini della decisione.
Non è la prima volta che il capomafia parla in udienza.

Tra gli imputato del processo vi sono anche gli altri boss Tommaso Di Giovanni (condannato a 16 anni), Calogero Lo Presti (14 anni), Nicola Milano (8 anni), Francesco Paolo Putano (10 anni), Gaspare Parisi (14 anni), Gabriele Buccheri (10 anni).
Nei giorni scorsi durante il dibattimento “Argo”, che vede alla sbarra altri 26 imputati per mafia ed estorsioni, Zarcone aveva già deposto per la prima volta nella nuova veste di pentito.
Nel verbale del del 29 settembre, Zarcone si accusa di due estorsioni e ricostruisce i meccanismi della famiglia mafiosa di Bagheria. “La co-reggenza fra me, Antonio Messicati Vitale e Giacinto Di Salvo consisteva in una divisione di ruoli - ha raccontato Zarcone - Io ero incaricato dei rapporti con i palermitani, Messicati Vitale si occupava dei contatti con i mandamenti fuori Palermo (come Misilmeri) e Di Salvo delle estorsioni e dei lavori all'interno della famiglia di Bagheria. Il vero capo, però, era Nicola Greco che si relazionava con Di Salvo”. Inoltre quest'oggi ha anche confermato di essere stato lui, all'interno della cosca di Bagheria, a tenere i rapporti con le altre famiglie palermitane.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa