Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Mafia: morte urologo Manca, nuove rivelazioni del boss Setola

Mafie News

Mafia: morte urologo Manca, nuove rivelazioni del boss Setola

setola giuseppeil comunicato della famiglia del giovane urologo
di AMDuemila - 19 settembre 2014 
Palermo. Le dichiarazioni del killer dei Casalesi Giuseppe Setola potrebbero portare alla riapertura delle indagini sulla morte dell'urologo Attilio Manca, medico di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) trovato morto in circostanze misteriose, nella sua casa di Viterbo nel 2004, con una siringa di eroina nel braccio. Ad agosto 2013 il gip di Viterbo aveva disposto l'archiviazione dell'indagine aperta a carico di cinque persone di Barcellona Pozzo di Gotto, dando credito alla tesi del suicidio che è sempre stata respinta dai familiari. La famiglia Manca sostiene infatti che la mafia barcellonese, nel 2003, avrebbe costretto Manca ad operare alla prostata il boss Bernardo Provenzano in una clinica di Marsiglia, ma a seguito dell'intervento l'avrebbe ucciso per eliminare un testimone scomodo. “Se Attilio muore per droga non si comprende come abbia potuto utilizzare le due siringhe che sono state recuperate nella sua abitazione, dove non sono state trovate impronte né di Attilio né di terzi. – scoperte entrambe con il tappo salva aghi inserito – È una grave incongruenza”.
Aveva dichiarato Gianluca Manca, fratello di Attilio.
Setola, che ha fatto importanti rivelazioni, nei mesi scorsi aveva chiesto di essere sentito dai pm di Palermo Roberto Tartaglia e Nino Di Matteo. La sua deposizione sembra avallare la ipotesi dei familiari del medico. Il boss casalese avrebbe appreso particolari riferiti alla vicenda mentre era detenuto. Le sue dichiarazioni sono state trasmesse alla Dda di Roma e continua a indagare la Procura di Palermo, che sta facendo degli accertamenti in merito alla latitanza di Provenzano. 
Anche le dichiarazioni del boss Francesco Pastoia, intercettate e rese pubbliche nel gennaio 2005, – ma mai però confermate da ulteriori riscontri – confermerebbero il coinvolgimento di Provenzano nell'omicidio Manca. Il capomafia affermava infatti che Provenzano sarebbe stato curato da un urologo siciliano nello stesso periodo (autunno 2003) nel quale Attilio disse alla famiglia di doversi recare in Francia per lavoro (il 28 gennaio Pastoia venne poi trovato impiccato nella sua cella, ndr).
Con l’archiviazione dell’inchiesta sono stati scagionati i cinque siciliani di Barcellona Pozzo di Gotto finiti nel registro degli indagati, ma ci sono numerose lacune che ancora persistono. 
 
Fonte ANSA
 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa