Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Via D'Amelio: le iniziative in ricordo di Borsellino e degli agenti di scorta

Mafie News

Via D'Amelio: le iniziative in ricordo di Borsellino e degli agenti di scorta

201407-padi AMDuemila - 16 luglio 2014
Rita e Salvatore Borsellino: “chi occupa abusivamente posti istituzionali stia lontano da Via D’Amelio”
“Sono qui, oltre che per ricordare, anche per lottare insieme a tanti giovani che vengono da tutta Italia” è quanto ha detto Salvatore Borsellino a margine della conferenza stampa nella quale sono state presentate le varie iniziative che nei prossimi giorni ricorderanno il fratello e gli agenti di scorta uccisi in via D'Amelio 22 anni fa.
“Qui ci sono magistrati che stanno cercando di arrivare alla verità – ha poi continuato il fondatore delle Agende Rosse – che stanno cercando di arrivare alla verità su una strage di Stato. Dovrebbero essere appoggiati dalle istituzioni invece vengono ostacolati dai gradi più alti”. Salvatore ha sottolineato come “il processo sulla trattativa Stato-mafia ha spezzato la congiura del silenzio sui complici legati alle istituzioni e non solo”. E ancora: “Le stragi del '92 e '93 sono la diretta conseguenza della trattativa, sulla quale si deve fare luce altrimenti non siamo in democrazia”. Rita Borsellino, facendo eco al fratello presente insieme a lui alla conferenza stampa, ha affermato di non aver mai avuto paura di mollare “perchè significherebbe tradire la memoria di Paolo, che è andato avanti sapendo quello a cui andava incontro. Per questo anche noi dobbiamo andare avanti”.

Durante la conferenza sono a turno intervenuti tutti i rappresentanti delle associazioni scese in campo per ricordare la strage del 19 luglio '92. A partire dall'Arci con l'evento “Legami di Memoria”, che si tiene ogni anno in occasione della ricorrenza della strage di via d'Amelio alla Biblioteca Comunale di Casa Professa a Palermo e quest'anno si terrà presso Villa Savoia a Monreale. Di seguito l'Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) il 18 luglio si è fatta organizzatrice di una veglia di preghiera in via D'Amelio, dove una 126 imbottita di tritolo alle 16.58 fece saltare in aria la strada in cui abitava la madre di Borsellino. Le iniziative sono le più diverse: dalla “biciclettata” Ruota Libera per la legalità, illustrata da Gandolfo David e prevista per il 19 luglio, alla tradizionale conferenza che, ha spiegato Antimafia Duemila, organizzatrice dell'evento, si svolgerà come ogni anno la sera del 18 presso l'atrio della Facoltà di Giurisprudenza. Qui terminerà il corteo, ha aggiunto Simone Cappellani per il Movimento delle Agende Rosse, che si snoderà lungo le strade di Palermo, ricordando anche il flash-mob che avrà luogo alle 16 in via D'Amelio il giorno dell'anniversario per denunciare il silenzio ancora esistente attorno alla strage e al processo – il “quater” - in corso a Caltanissetta.borsellino-rita-salvatore-c-giorgio-barbagallo Sempre il 19 luglio, ha detto Mariangela Di Gangi, rappresentante del Laboratorio ZEN Insieme, ci sarà una mattinata di animazione unita a percorsi di legalità tutta dedicata ai bambini. L'iniziativa nasce in collaborazione con il Centro studi Paolo Borsellino, il quale ha parlato quel “fresco profumo” che si espande e che deve partire dai bambini, per fornire loro gli strumenti indispensabili per poter andare verso il cambiamento. La Di Gangi ha spiegato l'importanza della partecipazione dei più piccoli, facendo eco al procuratore capo di Palermo Messineo che recentemente aveva dichiarato come “non serve a nulla l'azione di contrasto contro la mafia se non c'è bonifica sociale”.
I giorni dedicati alle varie manifestazioni, ha precisato Salvatore Borsellino, servono soprattutto “per lottare, perchè ancora non abbiamo verità e giustizia” sottolineando di aver voluto dedicare i momenti di memoria soprattutto ai familiari degli agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Il 20, invece, avrà luogo come ogni anno l'acchianata a Castello Utveggio, “simbolo di resistenza” ha detto ancora Salvatore. Nella stessa giornata è previsto, come ha ricordato Federica Fabbretti delle Agende Rosse, il dibattito con i parlamentari in Commissione antimafia: Giulia Sarti (M5S), Beppe Lumia (PD), Claudio Fava (ex SEL), Giorgio Ciaccio (M5S – ARS).
“Saremo in via D'Amelio – ha continuato il fratello di Paolo – per impedire che persone indegne che occupano i posti delle istituzioni vengano a portare corone di fiori”. E sempre parlando delle cariche dello Stato, finora quanto mai reticenti riguardo alla ricerca della verità sulla morte di Borsellino: “Mi chiedo che Paese è quello in cui le istituzioni hanno paura di un'agenda rossa alzata in alto”.
Della stessa opinione anche la sorella Rita: “In questi anni abbiamo fatto tanto per consegnare la memoria ai giovani, speravamo che la mafia potesse finire ma così non è stato. I complici sono stati quelle istituzioni che hanno paura di un'agenda rossa. Paolo diceva che le istituzioni sono sacre – ha dunque proseguito – ma ci sono uomini che spesso occupano quei posti abusivamente... a loro chiediamo di stare lontano da via D'Amelio”.

Foto © Giorgio Barbagallo

ARTICOLI CORRELATI

Programma della manifestazione del 18-19-20 luglio 2014 a Palermo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa