Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Processo “Why not”: prescrizioni e pene ridotte in Appello

Mafie News

Processo “Why not”: prescrizioni e pene ridotte in Appello

tribunale-togheConfermate anche le assoluzioni per Adamo, Morrone e Morelli
di AMDuemila - 23 febbraio 2014
Una raffica di prescrizioni, due condanne ridotte e quattro conferme di assoluzione. E' questa la sentenza emessa dai giudici della Corte d'appello di Catanzaro nei confronti di 13 imputati nel processo Why Not sui presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici in Calabria. Confermata l'assoluzione dei consiglieri regionali Nicola Adamo ed Ennio Morrone e di Franco Morelli ed Aldo Curto.

La corte ha anche dichiarato inamissibile il ricorso della Procura generale che contestava l'assoluzione ottenuta in primo grado dall'ex vicepresidente della Regione, dei due esponenti di Centrodestra e di Curto: "sopravvenuta carenza d'interesse" è la motivazione espressa. Per il resto, una serie di prescrizioni: per Basile, Calvano, Gallo, Gargano, Montagnese, Pometti, Spataro e ancora per Ennio Morrone. La prescrizione di una parte dei capi d'imputazione ha comportato una riduzione di pena anche per Giancarlo Franzè (2 anni e una sanzione da 1.500 euro) e Rosaria Marasco (un anno).
Il primo grado del processo Why not si concluse il 31 luglio del 2012. Furono necessarie decine di udienze, ore e ore di testimonianze in aula per arrivare ad una unica conclusione: non ci fu alcun finanziamento illecito, nessuna corruzione elettorale.

Le condanne in primo grado
In totale erano ventisei le persone tra politici, funzionari pubblici e imprenditori accusati a vario titolo di abuso di ufficio, truffa e corruzione, erano state rinviate a giudizio il 3 marzo del 2010. La sentenza portà alla condanna in primo grado a 3 anni e 6 mesi di reclusione a Giancarlo Franzè (ex dirigente della società “Why not”);  due anni a Rosalia Marasco (dirigente regionale del dipartimento Personale);  8 mesi a Rosario Calvano; un anno e 6 mesi a Antonio Gargano (l'ex presidente di Fincalabra), un anno a Michele Montagnese, così come per Michelangelo Spataro, e Filomeno Pometti. Erano stati condannati poi a 8 mesi di reclusione anche l'ex consigliere regionale Dionisio Gallo (Udc) e l'ex assessore Domenico Basile (An). Contestualmente vennero assolti  Aldo Curto, Ennio Morrone, Francesco Morelli, Nicola Adamo.
Quindi, per tredici tra condanne e assoluzioni, la sentenza venne impugnata davanti alla Corte d'appello.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa