Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cronaca Milano, presidio dei cittadini in solidarietà al pm Di Matteo

Mafie News

Milano, presidio dei cittadini in solidarietà al pm Di Matteo

presidio-milano-di-matteodi Daniele Pallotta - 27 gennaio 2014
A Milano un presidio di cittadini ha testimoniato solidarietà al pubblico ministero Nino Di Matteo, impegnato nel processo sulla Trattativa Stato Mafia, ed oggetto di un ordine di attentato proveniente dal capomafia Totò Riina.
All’iniziativa svoltasi nelle vicinanze del carcere di Opera, dove è detenuto il boss di cosa nostra, hanno preso parte il Movimento Agende Rosse, Azione Civile, Il Movimento 5 stelle, l’ associazione Articolo 54, l’associazione Sole. Nessun simbolo o bandiera appartenente a partiti o movimenti è stato esposto. I cittadini hanno tenuto alti gli striscioni recanti scritte di solidarietà a Di Matteo ed agli altri magistrati che rischiano la vita per il loro lavoro.

Davanti al centro di detenzione in cui Riina, come emerge dalle intercettazioni disposte dalle procura di Palermo, prosegue a minacciare e dettare ordini, si sono riunite persone provenienti da Milano, da Varese e da altre città della Lombardia e di altre regioni Italiane che hanno dedicato la mattina del 25 gennaio, così come tante altre giornate, all’impegno civile e all’attività di sensibilizzazione. Lo scopo è coinvolgere quanti più cittadini è possibile per informare su questioni giudiziarie che racchiudono pagine oscure della Storia d’Italia, accordi e verità definiti “indicibili”, che continuano ad avere ripercussioni sul presente.  Un percorso graduale, che richiede tempo, perché poco sostenuto dai mass media, ma che passo dopo passo sta seminando nella coscienza civica del Paese un seme prezioso, da coltivare: la consapevolezza che conduce al cambiamento.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa