Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Il re dei rifiuti rimane in silenzio davanti al Gip

Mafie News

Il re dei rifiuti rimane in silenzio davanti al Gip

di AMDuemila
Il braccio destro dei Leonardi preso da un attacco d’asma durante l’interrogatorio

Non ha aperto bocca Antonino Leonardi, il re dei rifiuti, proprietario della discarica più grande della Sicilia, davanti al Gip di Catania Stefano Montoneri. L’uomo, difeso dagli avvocati Carmelo Peluso e Luigi Latino, si è avvalso dalla facoltà di non rispondere. E’ stato arrestato qualche giorno fa con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e traffico di Rifiuti, nell'operazione "Mazzetta sicula". I suoi legali hanno annunciato che nelle prossime settimane valuteranno chiedere un nuovo interrogatorio e nel frattempo faranno istanza al Tribunale della libertà per chiedere una misura alternativa al carcere.
Il braccio destro dei Leonardi, Filadelfo 'Delfo' Amarindo, ha pronunciato il suo nome durante l’interrogatorio e dopo poco è stato preso da un attacco d’asma, cadendo a terra. Amarindo è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, difeso dall'avvocato Francesco Calderone. L’uomo è stato soccorso e poi ricoverato in infermeria nel carcere di Bicocca e il giudice delle indagini preliminari Stefano Monteneri ha rinviato a lunedì mattina l'interrogatorio di garanzia. Tra le accuse cui deve rispondere Delfo Amarindo anche l'occultamento di un picciotto della mafia lentinese, Santo Gallo, sparito nel nulla nel 2002. Sarebbe stato il tramite tra gli imprenditori e il clan Nardo di Lentini. Ad alzare il velo sul caso di lupara bianca di Santo Gallo, giovane 'soldato' lentinese, assassinato nell'ambito di una faida interna al clan Nardo, è stato il collaboratore di giustizia Alfio Ruggeri, di 45 anni. Sentito dai magistrati della Dda di Catania il pentito si è autoaccusato del delitto, ma ha anche indicato la discarica di Lentini quale luogo dell'occultamento del cadavere di Gallo e in Delfo Amarindo colui che permise l'ingresso del gruppo di fuoco che assassinò dentro la discarica il giovane, poi fatto sparire tra i cumuli di spazzatura.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Rifiuti e mazzette, blitz della Guardia di Finanza nella più grande discarica siciliana

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa