Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Delitto Agostino, Paolilli sarà sentito dal Tribunale il 19 febbraio

Mafie News

Delitto Agostino, Paolilli sarà sentito dal Tribunale il 19 febbraio

di Aaron Pettinari
La decisione del giudice dopo la richiesta di risarcimento della famiglia

L'ex poliziotto Guido Paolilli, in passato indagato per favoreggiamento in concorso aggravato (inchiesta poi archiviata dalla Procura di Palermo per avvenuta prescrizione, ndr) dovrà testimoniare davanti al giudice del tribunale civile di Palermo, Paolo Criscuoli, nel procedimento in cui è pendente la richiesta di risarcimento danni da 50mila euro presentata dai familiari dell'agente Antonino Agostino, (ucciso il 5 agosto 1989 insieme alla moglie, incinta, Ida Castelluccio a Villagrazia di Carini).
Sentite le parti lo scorso 16 gennaio, il giudice ha sciolto la riserva e "ritenuto ammissibile e rilevante l'interrogatorio formale" dello stesso ex poliziotto. Un esame particolarmente importante se si considera che, come ricordato dal legale della famiglia Agostino, Fabio Repici, a Paolilli verrà chiesto conto di quanto affermato nella famosa intercettazione con il figlio, nel 2008, in cui gli rivelava di aver pigliato e stracciato "una freca di cose" dall'armadio di casa Agostino. Un particolare non di poco conto.
"Era accaduto che subito dopo la morte del figlio, il padre Vincenzo Agostino per la rabbia lanciò contro una parete il portafogli dell’agente ucciso e da lì fuoriuscì un bigliettino autografo col quale il poliziotto invitava, nel caso gli fosse accaduto qualcosa di grave, a ricercare gli appunti che custodiva a casa. In quei documenti si sarebbe trovata risposta all’accaduto", si legge nell’atto di citazione all’ex poliziotto a firma dell’avvocato Repici.
E dalle indagini era emerso che Paolilli frequentava Agostino prima della sua morte. Ufficialmente era in servizio alla questura de L’Aquila ma venne chiamato a Palermo subito dopo il duplice omicidio e aggregato alle indagini.
In questi anni Paolilli non ha mai fornito una spiegazione convincente di quelle affermazioni del 2008 e, anzi, ha negato il fatto nonostante l'evidenza contraria.
Che l'ex poliziotto abbia commesso un vero e proprio "furto di verità" è scritto nero su bianco anche nel decreto di archiviazione del Gip Maria Pino laddove si legge che "le risultanze istruttorie dimostrano come l'indagato (Guido Paolilli, ndr) abbia contribuito alla negativa alterazione del contesto nel quale erano in corso di svolgimento le investigazioni inerenti all'omicidio di Antonino Agostino e Ida Castelluccio”.
Adesso la famiglia Agostino lo chiama ad un risarcimento danni da 50mila euro. Una cifra che, qualora venisse riconosciuta, Vincenzo Agostino e le figlie, Flora e Nunzia, hanno già annunciato di volerli donare in beneficenza.

ARTICOLI CORRELATI

Delitto Agostino, giovedì ex poliziotto Paolilli davanti al giudice del Tribunale civile

Delitto Agostino, su Paolilli il Tribunale si riserva

Repici: '''Menti raffinatissime' dietro la morte del poliziotto Agostino''

Omicidio Agostino: 30 anni in attesa di verità

Caso Agostino, chiesta l’archiviazione dei boss e di Faccia da mostro

Omicidio Agostino, la famiglia cita l'ex poliziotto Paolilli: ''Depistaggio e furto di verità, un danno di 50mila euro''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa