Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus #OmicidioNadiaOrlando, slitta al 29 novembre la sentenza di appello

Mafie News

#OmicidioNadiaOrlando, slitta al 29 novembre la sentenza di appello

di Lorenzo Baldo
Il Pg chiede la conferma della condanna a 30 anni più ulteriori 3 per Francesco Mazzega

Al telefono Antonella Zuccolo è prostrata, ma soprattutto amareggiata. E’ slittata al 29 novembre la decisione della Corte di Assise d'Appello di Trieste che sta giudicando l’assassino - reo confesso - di sua figlia Nadia. Il 38enne Francesco Mazzega, condannato in primo grado a 30 anni (in abbreviato) è agli arresti domiciliari, a casa dei genitori. Proprio ieri sera al Tg2 Antonella aveva lanciato nuovamente il suo messaggio: “Non si sconta una pena stando ai domiciliari, forse i nostri sono arresti domiciliari, forse la nostra casa, quando arriviamo dopo il lavoro, è un carcere. Quest’uomo ha tolto la vita a una ragazza di 21 anni e deve pagare per quello che ha commesso”. A sua figlia Nadia, Antonella ha promesso che verrà fatta giustizia. Ma ancora una volta bisogna aspettare. Nella giornata di ieri il fratello di Nadia, Paolo, sulla sua pagina facebook, aveva pubblicato un post: “Siamo tutti uniti e in attesa di vedere come finirà l'udienza di domani a Trieste, nel frattempo si ringrazia quanti ancora ci seguono e sostengono affinché si possa mettere fine a questo continuo strazio che ci anima il presente. Ci auguriamo che la Giustizia ci omaggi con una sentenza giusta e ponderata”. Anche per questo giovane ragazzo la speranza è stata per il momento disillusa.
In aula il sostituto procuratore generale di Trieste ha chiesto la conferma della condanna a 30 anni con l’aggiunta di ulteriori 3 anni. Richiesta a cui si sono associati il legale della famiglia Orlando (che nella sua arringa ha letto tra l’altro uno stralcio di una lettera aperta dei familiari di Nadia), e le parti civili.
La difesa dell’imputato ha invece chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche e l'esclusione dell’aggravante per futili motivi, così da riqualificare l'omicidio volontario in preterintenzionale, improntando l'ipotesi di un vizio parziale di mente al momento del soffocamento della giovane vittima. Visto il protrarsi delle arringhe difensive la Corte ha deciso quindi il rinvio al prossimo 29 novembre per le ultime repliche, dopodiché verrà emessa la sentenza.
Cinque giorni fa nella centralissima piazza Plebiscito di Dignano (Ud) è stata inaugurata la “Panchina rossa”. L’iniziativa, fortemente voluta dall’amministrazione comunale (che si è costituita parte civile nel processo assieme alla Regione), è stata definita dall’assessore alla Sanità e Assistenza sociale, Sandra Bisaro, un “ulteriore tassello nell’ambito di un progetto più ampio dedicato alla prevenzione della violenza di genere”. Quella panchina rossa rappresenta simbolicamente “il posto occupato da una donna portata via dalla violenza”, in memoria di Nadia e di tutte le donne uccise in questi anni.
Il prossimo 13 novembre al Teatro Nuovo Giovanni da Udine cinque cori si esibiranno in una serata di beneficenza a favore delle donne operate al seno. Ospite speciale, l'attrice Annalisa Insardà che reciterà uno struggente monologo sul femminicidio: per Nadia Orlando, e perché non vi siano mai più vittime della violenza di genere.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

#Femminicidio, resta in Friuli il processo per l'omicidio di Nadia Orlando

#Femminicidio, la (mancata) giustizia per Nadia Orlando

Video Amore Criminale - La storia di Nadia Orlando (puntata del 7 aprile 2019)


Omicidio di Nadia Orlando, Francesco Mazzega condannato a trent’anni


L'appello al Tg2 dei familiari di Nadia Orlando: ''Chiediamo la certezza della pena!''


#Femminicidio, in ricordo di Nadia Orlando

La lettera dei suoi genitori nel giorno del 2° anniversario del suo omicidio

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa