Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Processo ''Panta Rei'', colpo ai clan di Palermo: inflitti tre secoli di carcere

Mafie News

Processo ''Panta Rei'', colpo ai clan di Palermo: inflitti tre secoli di carcere

di AMDuemila
Tre secoli di carcere. Sono questi gli anni che la quarta sezione della Corte d’Appello di Palermo ha inflitto a 32 dei 37 imputati del processo “Panta Rei”, contro le cosche del mandamento di Porta Nuova e dei paesi di Bagheria e Villabate (Palermo). La corte presieduta da Mario Fontana ha aumentato le pene a due imputati, parzialmente assolti in primo grado, il 27 settembre 2017, assolti cinque persone e rimodulato le altre condanne, in modo da elevare le pene inflitte dal gup Nicola Aiello, col rito abbreviato: da 268 anni si è passati a 305. La sentenza è arrivata dopo quattro giorni di camera di consiglio. Inoltre, i giudici, per aumentare gli anni di carcere, hanno applicato anche il meccanismo della continuazione. I due che si sono visti riconoscere colpevoli di ulteriori reati, come richiesto dal pg Rita Fulantelli, sono Giuseppe Ruggeri, che passa da 3 anni a 12, e Salvatore David, che "sale" da 4 anni e 8 mesi a 11 anni. Gli assolti sono Massimo Monti, Giuseppe Di Giovanni, Gaetano Tinnirello, Giuseppe Bucaro e Mario Sciortino. Inoltre, tra chi ha ricevuto un’assoluzione parziale dall’accusa di traffico di droga, c’è anche la donna-boss Teresa Marino, moglie del capomafia di Porta Nuova Tommaso Lo Presti, detto "il Pacchione" (il grasso): per lei c'è una riduzione di pena, da 18 a 14 anni. Per lo stesso motivo anche Alessandro Bronte da 15 anni passa a 11 anni, 6 mesi e 20 giorni e Pietro Catalano da 8 anni a 4 anni e 8 mesi. Invece, per Paolo Calcagno la pena viene aumentata, perchè i giudici hanno ritenuto comunque più gravi altri comportamenti, rispetto alla valutazione che ne aveva dato il Gup Aiello nella sentenza di primo grado: da 14 anni passa a 15 e 4 mesi; stessa valutazione per Tommaso Catalano, al quale viene riconosciuta una recidiva per altri fatti: da 6 anni passa a 7 anni e 8 mesi.
Per quanto concerne gli altri imputati viene applicato il meccanismo della continuazione con precedenti condanne per fatti simili o analoghi: scattano dunque gli aumenti, in qualche caso solo apparenti, perché le pene devono essere sommate fra di loro. Così le altre condanne: 6 anni ad Antonino Abbate; un anno a Maria Rosa Butera (2 in primo grado); Carmelo D'Amico passa da 10 a 11 anni e 4 mesi; Francesco Paolo Desio da 8 a 11; Giuseppe Di Cara da 8 a 12; Pasquale Di Salvo "sale" di due mesi, a 5 anni e mezzo; Salvatore Ingrassia passa da 8 a 16 anni e 10 mesi; Nunzio La Torre ha avuto 7 anni (ne aveva avuti 8 e 4 mesi); Francesco Paolo Lo Iacono 10 anni e 8 mesi (12); Rocco Marsalone 11 anni e 8 mesi (12); Angelo Mendola 6 anni più una multa che non aveva avuto nel primo grado; Andrea Militello 2 anni e 4 mesi (5 anni e 6 mesi); Bartolomeo Militello scende da 13 anni e 4 mesi a 11; Giuseppe Minardi a 5, da 6 anni e 2 mesi; Salvatore Mulè sale da 8 anni a 13 anni e 4 mesi; Gaspare Parisi da 6 a 13 anni e mezzo; Giampiero Pitarresi da 16 a 14 anni; il pentito Massimiliano Restivo da 4 anni e 4 mesi a 4 e 8 mesi; Antonino Salerno da 6 anni e 2 mesi a 5 anni; Ludovico Scurato da 6 anni a 5 e 4 mesi; Domenico Tantillo da 14 a 16 anni; il fratello Giuseppe Tantillo, oggi collaboratore di giustizia, da 5 anni e 4 mesi a 5 anni; Francesco Terranova da 6 anni a 5 anni e 4 mesi; Giuseppe Antonino Maria Virruso da 8 a 11 anni; Vincenzo Vullo da 6 a 9 anni.

ARTICOLI CORRELATI

Processo ''Panta Rei'': chiesti 3 secoli di carcere in appello

Mafia: processo Panta Rei, 35 condanne

Operazione Panta Rei, a Porta Nuova il potere è donna

Processo ''Panta Rei'', quattro condanne ed un'assoluzione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa