Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Evasione boss Morabito: In carcere preventivo un sospettato fiancheggiatore russo

Mafie News

Evasione boss Morabito: In carcere preventivo un sospettato fiancheggiatore russo

di AMDuemila
Uno dei presunti fiancheggiatori di Rocco Morabito, il boss della ‘ndrangheta calabrese catturato in Uruguay ed evaso dal carcere di Montevideo lo scorso 23 giugno mentre era in attesa di essere estradato in Italia dove è stato condannato a 30 anni per narcotraffico, resta in cella dopo essere stato fermato insieme ad altri due sospettati ieri sera. Lo ha riferito il portale di notizie Subrayado. L’uomo, di cittadinanza russa, per il quale il giudice ha disposto la carcerazione preventiva di 90 giorni è accusato di aver nascosto e favorito l'evasione dal carcere della Capitale il “re della cocaina” Morabito. Secondo la ricostruzione degli inquirenti il narcotrafficante italiano una volta evaso la notte del 23 giugno insieme a Leonardo Abel Sinopoli Azcoaga, Sebastian Acosta Gonzalez e Bruno Ezequiel Diaz (questi tre sono stati tutti catturati) si è recato in taxi fino alla pizzeria "Eatalian Style", dove ieri la polizia ha eseguito il blitz durante il quale è stato arrestato il presunto fiancheggiatore russo insieme a una concittadina e un italiano. Da qui il russo proprietario del ristorante che ora si trova dietro le sbarre, avrebbe accompagnato in auto Morabito fino al dipartimento di Lavalleja, un fatto provato dalle telecamere fisse che lungo la strada hanno registrato il passaggio del veicolo. Nel frattempo, si apprende, la Corte suprema ha sospeso la procedura di estradizione di Morabito in Italia perche' la giustizia uruguaiana non prevede che essa possa svolgersi in contumacia. Per quanto riguarda la donna russa e l'italiano rimangono in libertà ma restano a disposizione del giudice istruttore Blanca Rieiro.

ARTICOLI CORRELATI

‘Ndrangheta: ancora nessuna traccia del boss Rocco Morabito evaso in Uruguay

'Ndrangheta. Tribunale uruguayano conferma estradizione boss Rocco Morabito

Il boss della 'Ndrangheta catturato in Uruguay

Resta latitante Rocco Morabito. Catturati i giovani fuggiti con lui

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa