Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Mafie News Focus ‘Ndrangheta: ancora nessuna traccia del boss Rocco Morabito evaso in Uruguay

Mafie News

‘Ndrangheta: ancora nessuna traccia del boss Rocco Morabito evaso in Uruguay

di AMDuemila
Il ministro dell’Interno Bonomi: “E’ stato aiutato dalle guardie carcerarie per fuggire

Gli investigatori e le forze di polizia uruguayane non si danno tregua nelle ricerche ma del boss di ‘Ndrangheta Rocco Morabito, evaso dal Carcere di Montevideo la notte del 23 giugno non c’è alcuna traccia e non si esclude possa essersi trasferito nel vicino Brasile. Lo ha riferito la Red21 di Montevideo. Nel frattempo però gli inquirenti stanno cercando di scoprire come e grazie a chi, anche all’interno degli ambienti carceri, i 3 pregiudicati (tutti riacciuffati nelle ultime settimane dalle forze dell’ordine) e il “boss della cocaina” siano riusciti a scappare senza che nessuno se ne accorgesse per almeno 7 ore. Il ministro dell’Interno uruguaiano Eduardo Bonomi, presentatosi ieri insieme al capo della polizia nazionale, Mario Layera, davanti alla Commissione di sicurezza del Senato per rispondere a domande sull’evasione e sullo stato delle indagini, ha indicato che “si presume che la fuga di Morabito abbia avuto un carattere doloso”. Ovvero che vi può essere stata complicità da parte del personale carcerario, che è stato sottoposto “a varie procedure amministrative”. Certo è che la cerchia delle eventuali complicità non può che estendersi ai sei secondini di turno quella notte nell'intera struttura, due di loro risultano essere i primi sospettati poichè al momento della fuga e nelle sette ore successive non erano dove avrebbero dovuto essere. Altre incongruenze riguardano invece le cattive condizioni delle celle nelle quali i 4 fuggitivi erano detenuti. Secondo quanto riferito dalla direttrice del carcere, Mary Gonzalez, al momento sospesa dall’incarico per essersi lasciata sfuggire i detenuti, i quattro evasi condividevano l'intero piano e le celle erano lasciate aperte. Solo la porta di accesso alle scale era chiusa e i detenuti sono potuti fuggire tutti da un'unica finestra scardinata della cella che dava alla terrazza. “Il nostro edificio è antico, con un pò di forza le finestre che danno accesso alla terrazza si aprono” aveva denunciato mesi fa la direttrice la quale aveva chiesto il trasferimento di Morabito in un istituto di polizia nazionale considerato più sicuro, ma nessuno pare l’abbia ascoltata. A questo però si aggiunge che proprio in quei giorni, su richiesta di un tribunale, erano state ritirate tutte e sedici le videocamere di sorveglianza. Intanto è notizia di oggi che tre presunti fiancheggiatori del boss, due di nazionalità russa e uno di nazionalità italiana, sono stati arrestati dalla polizia in collaborazione con l’Interpol sospettati di aver assistito e dato appoggio al latitante nel loro ristorante italiano “Eatalian Style” situato nell’elegante quartiere Pocitos a Montevideo. L'indagine sulla clamorosa fuga di Morabito e degli altri tre evasi viene portata avanti dal pubblico ministero Rodrigo Morosoli.

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta. Tribunale uruguayano conferma estradizione boss Rocco Morabito

Il boss della 'Ndrangheta catturato in Uruguay

Resta latitante Rocco Morabito. Catturati i giovani fuggiti con lui

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa