Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Mafie News Focus MilanoNOmafia. L'antimafia che vogliamo

Mafie News

MilanoNOmafia. L'antimafia che vogliamo

image1di AMDuemila
Si è appena conclusa nella suggestiva cornice del Museo del Fumetto di viale Campania 12 a Milano, la mostra di fumetti tematici antimafia, una lunga rassegna di eventi che dal 20 Marzo al 5 Maggio in collaborazione con la Fondazione Franco Fossati, WOW Spazio fumetto, l'associazione P.Impastato & A.Castelli (già aderente alle Agende Rosse), gli editori Bonelli e Becco Giallo, la Scuola del Fumetto e altri patrocini istituzionali, ha visto come protagonisti fumettisti, giornalisti, scrittori e familiari di vittime di mafia da tutta Italia. Come recita il manifesto della lodevole iniziativa, non si è trattato di celebrare “supereroi né personaggi creati dalla fantasia di un bravo autore ma uomini e donne come noi: si chiamavano Peppino, Mauro, Carlo Alberto, Giovanni, Paolo, Ilaria e poi con loro, Rita, Emanuela, Don Pino, Lea ... le loro storie ne raccontano il coraggio, l’amore per la giustizia e la verità, la lealtà”. E ancora “non solo disegni originali” ma “spunti di riflessione, verità storiche, vite spezzate che ancora oggi è giusto ricordare per continuare a chiedere Verità e giustizia”. Tra gli ospiti, Ficarra e Picone, Gianluca Manca, Jenny Campagna, Stefano Mormile, il fumettista Marco Rizzo, Vincenzo Viola (presidente del Centro studi S.A.O. image3“Saveria Antiochia Osservatorio Antimafia), Pino Cassata (Ass. P. Impastato e A. Castelli, Milano), Salvo Vitale, il fumettista Francesco Ripoli, Sabrina Natali, Luigi Grimaldi giornalista, Daniela Palumbo autrice di un libro per ragazzi con un capitolo dedicato a Ilaria Alpi “Noi, ragazze senza paura”, Rosanna Melilli (Agende Rosse Palermo Gruppo P. Borsellino), Davide Minio (Ass. P. Impastato e A. Castelli, Milano), Mario Furlan, presidente dei City Angels, i fumettisti Matteo Laudiano, Davide scuola di formazione Antonino Caponnetto e Paolo Setti Carraro, fratello di Emanuela Setti Carraro, il fumettista Emanuele Boccanfuso per il fumetto Nathan Never, Giuseppe Montorsi (Agende Rosse gruppo di Mantova) Savino Percoco (Agende Rosse di Bari Gruppo Giuseppe Di Matteo), Brizio Montinaro (fratello di Antonio Montinaro della scorta di Giovanni Falcone), gli autori Angelo Garavaglia, Toby Follett, Paul Sapin, il fumettista Silvestro Nicolaci, Pino Carbone (Agende Rosse di Genova Gruppo Falcone e Borsellino), Giovanna Cattaneo, Anna Zucchi, Adil Jabari ed il fumettista Roberto Dapiaggi, Don Claudio Burgio e Filippo Barbaccia. E ancora, Paolo Borrometi, Paolo De Chiara (giornalista, scrittore, sceneggiatore), Salvatore Borsellino (Leader del Movimento Agende Rosse), Cesare Giuzzi (giornalista), la fumettista Chiara Abastanotti, image2Michela Diani (Ass. P. Impastato e A. Castelli, Milano), Lorenzo Baldo (in collegamento) autore del libro “Suicidate Attilio Manca” e vice direttore di ANTIMAFIADuemila, Luciano Armeli Iapichino, scrittore e autore del libro “Le Vene violate”.
A conclusione della lunga kermesse il lancio del premio pensato per le scuole e dedicato ad Attilio Manca, rivolto a ragazzi e docenti che dovranno sperimentarsi nella creazione di nuovi fumetti dedicati a personaggi di cui ancora non si conoscono le storie o le si conoscono poco, o vengono insabbiate da un’informazione (con le dovute eccezioni) spesso genuflessa ai poteri masso-mafiosi, prima fra tutte, appunto, quella del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto sulla cui morte aleggia la latitanza e l’operazione alla prostata di Bernardo Provenzano. Non solo: a primeggiare una coltre di insabbiamento istituzionale spesso anche imbarazzante con complicità nel verminoso della zona grigia e della consorteria “bianca” della cittadina messinese. Con la “punciutina” dei servizi segreti deviati. Si è trattato di un unicum nel panorama dell’antimafia nazionale, uno spazio fertile per le emozioni, la sensibilità,IMG 20190505 WA0007 la memoria; un fotogramma vero e diretto, senza filtri, scevro da condizionamenti, senza casate, strutture e sovrastrutture e, soprattutto, antitetico a quell’antimafia spesso inquinata, “sistemica”, marcia e popolata da “primedonne” che arrecano danno al pari dei poteri criminali e grigi nemici della giustizia, della verità, della nazione. Milano capitale della “non rassegnazione”, della speranza “nonostante tutto”, dell’incoraggiamento a chi ha perso tutto, voglia di lottare compresa. Questa l’umile e, pari tempo, grande lezione che la città meneghina, accerchiata da ‘Ndrangheta (e a Milano è stata trucidata, non dimentichiamolo, Lea Garofalo) ha voluto lanciare agli addetti ai lavori, quelli seri, muovendo dall’innocenza dei fumetti. Non c’è più tempo per restare indifferenti è il messaggio degli organizzatori rivolto alle coscienze più distratte e a quelle “malate” di ipocrisia. Adesso è l’ora di agire... partendo dal fumetto. In tempi in cui è facile lanciare slogan, uno su tutti “prima gli italiani”, sarebbe il momento di concretizzare agli stessi il diritto della giustizia, sì proprio quello, chimera di un popolo onesto e trucidato dalla mafia massoneria. Il genocidio di valori, dei diritti, del futuro è, continua a essere, sotto gli occhi. Fermiamolo! Senza finzioni.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa