Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Caso Kuciak, interprete accusata di essere la mandante del delitto

Mafie News

Caso Kuciak, interprete accusata di essere la mandante del delitto

kuciak kusnirova c picture alliance svancara petrdi AMDuemila
Nuovo capitolo nell'omicidio di Jan Kuciak, il giornalista slovacco ucciso a colpi di pistola insieme alla sua fidanzata, Martina Kusnirova, mentre erano nella loro casa a Velka Maca il 21 febbraio scorso. I loro corpi sono stati ritrovati solo alcuni giorni dopo e in questi mesi gli investigatori si sono impegnati nella ricerca di autori e mandanti del delitto. La polizia slovacca ha accusato ieri Alena Zsuszova di aver ordinato l'omicidio del giornalista. Secondo il sito Dennik N, Zsuszova però con molta probabilità non era la persona all'apice della gang ed aveva servito da tramite al mandante principale. La 44enne interprete di italiano è una dei quattro accusati del doppio omicidio. E' stata arrestata venerdì a Komarno (sud), un giorno dopo l'arresto di altri tre uomini del sud della Slovacchia accusati di aver eseguito l'omicidio. Zsuszova faceva da interprete all'imprenditore Marian Kocner, delle cui attività controverse Kuciak scriveva. Il tribunale penale di Banska Bystrica deve decidere della custodia cautelare per tutti e quattro gli accusati. Se saranno giudicato colpevoli, rischiano l'ergastolo. La polizia slovacca e la procura generale hanno definito come motivo dell'omicidio il lavoro di Kuciak che scriveva dei legami tra la 'ndrangheta calabrese operativa in Slovacchia e l'entourage dell'ex premier Robert Fico. Il doppio omicidio ha suscitato proteste nel paese, la crisi politica ha portato Fico a dimettersi. La coalizione a tre ha successivamente formato un nuovo esecutivo. La maggior parte dei ministri del governo di Fico è rimasta in carica.

Fonte: ANSA

Foto © Picture alliance / Svancara Petr

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa