Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Gratteri: ''Sulla lotta alla mafia c'è tanto da fare''

Mafie News

Gratteri: ''Sulla lotta alla mafia c'è tanto da fare''

gratteri nicola c imagoeconmica homedi AMDuemila
"Lo dico da dieci anni, bisogna razionalizzare le risorse e dobbiamo stringere i denti perché abbiamo tanto da fare, abbiamo tanto lavoro e dobbiamo lavorare tutti a regime". A dirlo è il Procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, a margine della festa regionale della Cgil lucana, rispondendo ai giornalisti che gli hanno chiesto un commento sulla sua proposta di abolire la Dia.
"Abbiamo grandi carenze di organico nelle forze dell'ordine e nelle strutture investigative - ha aggiunto il magistrato - e oggi la Dia fa esattamente quello che fanno altre strutture: sono dei doppioni, e se facciamo rientrare nei corpi di appartenenza gli agenti della polizia giudiziaria, senza far perdere loro le competenze acquisite, avremo delle strutture più forti e maggiore respiro per fare indagini maggiori. Ovvio che ci sarebbe anche un risparmio di costi, ad esempio per l'affitto di palazzi, macchine, uffici e altro". Il magistrato non ha voluto rispondere a chi chiedeva un parere sulle dichiarazioni del ministero dell'Interno, Matteo Salvini, dopo l'avviso di garanzia ricevuto. "Non entro in queste polemiche - ha detto - come non sono entrato in quelle sulla nave dei migranti, e non mi soffermo mai su un caso specifico: per me è fondamentale che la politica abbia la libertà, la volontà e il coraggio di creare un sistema giudiziario forte, e tale che non sia conveniente delinquere". Ai cronisti che gli chiedevano un commento sulla linea del Governo sulla lotta alla mafia, Gratteri ha risposto che "non si può dare un giudizio, perché ancora non ho visto nulla".Gratteri, a Potenza per partecipare alla festa della Cgil Basilicata, è stato poi intervistato dalla giornalista di Repubblica Conchita Sannino.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa