Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Premio legalità al testimone Ignazio Cutrò

Mafie News

Premio legalità al testimone Ignazio Cutrò

cutro ignazio premio legalitadi AMDuemila - Video
Il testimone di giustizia Ignazio Cutrò, ieri ha ricevuto un’altro riconoscimento civile al suo impegno per la legalità e contro la mafia a Contursi Terme dove è stato premiato dal sindaco Alfonso Forlenza e dal presidente dell’associazione Joe Petrosino. L’evento che raccoglie ben sette comuni e che è arrivato alla sua ventiduesima edizione è stato aperto proprio con le premiazioni e riconoscimenti all’impegno civile e culturale di ospiti d’eccezione. Il presidente dell’Associazione nazionale testimoni di giustizia ha ricordato l’importanza di denunciare e soprattuto di sostenere chi trova il coraggio di puntare il dito contro le criminalità organizzate: “Io sono convinto che non dobbiamo essere noi ad andare via dal nostro Paese, ma sono i mafiosi che devono andarsene dalla nostra terra” ha detto convinto ringraziando la famiglia per il sostegno mai venuto meno in questa scelta. “Dedico questo premio alla mia famiglia - ha detto l’ex imprenditore di Bivona - perché se ho potuto fare quello che ho fatto rimanendo nella località d’origine è grazie a loro”. cutro ignazio premio legalita intervistaFamiglia però che ora, da aprile, si trova senza alcuna protezione perché gli è stata revocata oltre ad aver abbassato il livello a Cutrò stesso, nonostante con l’operazione Montagna siano emerse delle intercettazioni tra mafiosi contro il testimone di giustizia. A riguardo Cutrò ha detto: “Le istituzioni purtroppo dimenticano a volte ma la mafia no, io sono un morto che cammina perché ho rifiutato la scorta dopo che hanno tolto la scorta alla mia famiglia”. Più volte Cutrò ha spiegato che “finché la mia famiglia rimarrà non protetta io non prenderò più la scorta, preferisco ammazzino me”.
Nonostante la situazione di grande rischio il presidente dell’associazione nazionale testimoni di giustizia ha rinnovato il suo impegno civile contro la mafia: “Non mi fermerò e continuerò a portare la mia testimonianza girando l’Italia da solo e senza scorta, assisterò chiunque avrà bisogno di sostegno e aiuto per denunciare, io ci sarò”.



ARTICOLI CORRELATI

Ignazio Cutrò rinuncia alla scorta: ''Preferisco rischiare io e non la mia famiglia''

Cutrò: ''Mi sento tradito dallo Stato, pugnalato alle spalle''

Il Ministero risponde sul caso Cutrò: ''4° livello sufficiente''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa