Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Intercettazioni, c'è lo stop del Governo alla riforma

Mafie News

Intercettazioni, c'è lo stop del Governo alla riforma

intercettazioni 0 c imagoeconomicaBonafede: "Sono un passo indietro per efficacia delle indagini"
di AMDuemila
Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, intervenuto questa mattina in commissione al Senato per presentare le linee guida del suo ministero, ha rilasciato delle importanti dichiarazioni per quanto riguardo l'imminente riforma delle intercettazioni che era stata approvata dal Governo precedente. Secondo il Ministro "le modifiche introdotte appaiono come un dannoso passo indietro sulla strada della qualità e della efficacia delle indagini" pertanto la riforma delle intercettazioni "sarà fermata l'entrata in vigore".
A destare particolari dubbi è l'archivio elettronico in cui saranno conservati integralmente i verbali e le registrazioni delle conversazioni in quanto “non appare ancora in grado di funzionare correttamente e pienamente”. L’attività di adeguamento e di collaudo dei sistemi presso gli uffici delle singole procure della Repubblica, ha spiegato il ministro, richiede di “posticipare la piena efficacia della disciplina” anche per “non comprometterne l’operatività funzionale”.
Dunque il ministro ha spiegato che serve altro tempo "individuando nei primi mesi del prossimo anno il periodo più opportuno per l’entrata in vigore delle disposizioni”. “Parallelamente - ha detto ancora Bonafede - si è scelto di avviare sin da subito dopo l’insediamento del nuovo governo una capillare fase di ascolto e confronto, partendo dalle concrete esperienze vissute dalle procure e dagli avvocati, in modo da giungere alla definizione di una base di lavoro condivisa che possa fungere da piattaforma su cui innestare la riscrittura delle disciplina delle intercettazioni”.
Ma Bonafede ha anche spiegato quelle che saranno le linee guida del suo ministero a partire dal "contrasto senza quartiere alla corruzione” che “costituisce un’architrave dell’azione del governo e in particolare del ministero di cui ho la responsabilità”. In agenda dunque ci sono il daspo per i corrotti ed i corruttori, la riforma della prescrizione (tra le opzioni d’intervento allo studio c’è quella di sospendere la prescrizione “dopo che sia stata emessa una sentenza di primo grado”) e la legittima difesa.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa