Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus ''Liceo Classico, scelta sbagliata quella del preside'': insegnanti e cittadini a sostegno degli studenti

Mafie News

''Liceo Classico, scelta sbagliata quella del preside'': insegnanti e cittadini a sostegno degli studenti

20180512 studenti assemblea fuori liceo classico fermoda cronachefermane.it
Lettera aperta di un gruppo che in questi anni ha lavorato nel Tavolo della Legalità: "Un incontro con i giornalisti di Antimafia Duemila non avrebbe potuto che offrire ai giovani element di maggiore conoscenza"

Carlo Bronzi, Giuseppe Buondonno, Marianna Cinti, Luciana Luciani, Marzia Malloni, Alessandra Mancini, Lucia Marcaccio, Susy Marziali, Piero Mennò, Ombretta Morganti, Anna Petrozzi, Luisella Pieroni, Renata Romagnoli, Massimo Rossi, Francesco Sandroni
e Alessandro Volponi: sono un gruppo di insegnanti e cittadini che, come scrivono in una lettera aperta, “in questi anni hanno lavorato, nel Tavolo della Legalità, sulle tematiche della lotta contro tutte le mafie, contro ogni omertà e connivenza - anche di parte delle Istituzioni - verso i fenomeni mafiosi”.
Insieme hanno voluto rivolgere un plauso, oltre che una manifestazione di solidarietà, agli studenti del Liceo Classico “Annibal Caro” di Fermo (Leggiqui) “per il loro impegno e per la volontà di discutere - con interlocutori seri, documentati e rigorosi, come i giornalisti di Antimafia Duemila - la brutta vicenda della trattativa Stato-mafia; una pagina che è (lo vogliamo ricordare) già oggetto di una sentenza di I grado del Tribunale di Palermo”.
“Siamo convinti - proseguono i firmatari della lettera - che le intenzioni del dirigente scolastico di quel Liceo (nel negare l’autorizzazione allo svolgimento dell’incontro e nel rinviarlo al prossimo anno), siano state finalizzate ad una corretta informazione e formazione dei ragazzi e non mosse da intenti censori; tuttavia ci permettiamo di considerarla una scelta sbagliata, che di fatto ha prodotto una censura e ha manifestato una sfiducia nei confronti della capacità di giudizio degli studenti e nella professionalità di giornalisti che mai, nelle tante iniziative realizzate col Tavolo, nelle scuole, hanno mostrato alcuna forma di approssimazione o strumentalità, ma solo una rigorosa attività di informazione e stimolo critico, di divulgazione dei valori costituzionali.
D’altra parte, ci preme rilevare che qualunque giovane, in una società aperta come la nostra, è costantemente investito da informazioni di ogni natura, in televisione, sui giornali e sui social media; e sulla trattativa in questione, da molti anni piovono fiumi di notizie e commenti. Pertanto, un incontro con i giornalisti di AntimafiaDuemila (che non sono “una parte”, ma un organo di informazione) non avrebbe potuto che offrire ai giovani elementi di maggiore conoscenza.
Nessuno vuole drammatizzare l’accaduto, e apprezziamo la decisione di svolgere comunque, nel prossimo anno scolastico, tale incontro con ulteriori interlocutori. Vogliamo solo aggiungere che, nella lotta alla Mafia, sul versante della giustizia non ci sono “parti”, né possibili posizioni “terze”; nel processo in questione, in particolare, l’unica posizione terza (sui reati oggetto di indagine) è quella del Tribunale competente (che si è già espresso) e, poi, dei successivi organi giudicanti; e che la Procura di Palermo rappresenta lo Stato, che agisce giudiziariamente verso chi non lo ha servito con onore e verso chi ne mina le radici ed i valori di legalità democratica”.
In conclusione, il gruppo ribadisce agli studenti vicinanza ed apprezzamento, “oltre all’augurio di continuare ad essere interessati, consapevoli ed attivi sul piano sociale e civile e ad avere fiducia (che non è mai acritica) nei confronti di tutte le Istituzioni repubblicane”.

Tratto da: cronachefermane.it

ARTICOLI CORRELATI

Assemblea sulla mafia annullata, sciopero silenzioso degli studenti

Liceo Classico, salta l’assemblea sulla trattativa Stato-Mafia: si accende il dibattito tra studenti, preside e ANTIMAFIADuemila

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO TORTORA

IL CASO TORTORA

by Luca Steffenoni

A trent'anni dalla morte di Enzo TortoraUn legal...

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...


LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...

B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca