Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Strage di Bologna, si torna ad indagare sui fondi di Gelli

Mafie News

Strage di Bologna, si torna ad indagare sui fondi di Gelli

bologna colorRogatoria in Svizzera sui milioni di dollari partiti da un conto del “venerabile
di AMDuemila
Torna l’ombra del maestro venerabile della Loggia P2, Licio Gelli, scomparso nel 2015, sui fatti della strage di Bologna, che il 2 agosto 1980 causò 85 moti e quasi 200 feriti. La Procura generale di Bologna, che nel 2017 ha avocato l’inchiesta della Procura, ha avviato un filone di inchiesta importante con una rogatoria in Svizzera per verificare gli eventuali movimenti per diversi milioni di dollari che, prima della strage, sarebbero partiti da un conto bancario elvetico aperto, riconducibile proprio a Gelli, in favore di una serie di soggetti appartenenti ai più discussi ambienti dei Servizi segreti dell’epoca, a giornalisti a loro vicini e a elementi dell’estremismo nero veneto.
A darne notizia è “Il Fatto Quotidiano” che ha evidenziato come la “pista” non sia comunque una novità nell’ambito delle indagini sull’eccidio. La Procura della Repubblica di Bologna, infatti, l’aveva esclusa nel 2017, ma la Procura generale vuole comunque andare fino in fondo su quelle movimentazioni per capire se il denaro sia stato utilizzato per finanziare gli attentatori.
Se così fosse è plausibile che Gelli, oltre ad aver “depistato” come dicono le sentenze, sarebbe stato il mandante, o uno dei mandanti, della strage alla stazione.
Un dato di cui l’Associazione fra i familiari delle vittime è fermamente convinta tanto che nel 2015 consegnò in un esposto un documento, intitolato “Bologna Bologna - 525779 - X.S.” e relativo a un conto aperto dal venerabile alla Ubs di Ginevra, proveniente dal fascicolo del processo per il crac del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi.
Ed è da questo che l’Avvocato generale di Bologna Alberto Candi e il sostituto procuratore generale Nicola Proto, titolari dell’inchiesta, sono ripartiti.
Nella richiesta di archiviazione della Procura di Bologna per l’inchiesta sui “mandanti occulti”, avevano scritto che “nessun elemento concreto è emerso per fondare l’ipotesi di un finanziamento oggettivamente e soggettivamente indirizzato alla commissione della strage proveniente da Licio Gelli, Umberto e Mario Ortolani, specificamente individuabile, rintracciabile e documentabile”. E sul documento “Bologna - 525779 - X.S.” agli atti del processo sul crac del Banco Ambrosiano scrivevano che “non ha evidenziato alcun elemento che riconduca la destinazione di tali somme al gruppo Ordine Nuovo diretto da Maggi e/o al gruppo Fioravanti, Mambro, Ciavardini, Cavallini”.
Gli ex Nar Fioravanti e Mambro, per la strage, furono condannati in via definitiva all’ergastolo mentre nel 2007 è stato condannato Ciavardini a 30 anni. In primavera si aprirà un altro processo contro Gilberto Cavallini, 65 anni, ergastolano in semi-libertà, anch’egli ex Nar, accusato di aver dato supporto logistico agli autori dell’eccidio alla stazione.
Ma furono solo loro ad agire?
Certo è che Licio Gelli negli anni Novanta, seppur assolto da varie altre accuse, fu condannato per calunnia aggravata dalle finalità di depistaggio insieme al faccendiere legato al Sismi e alla massoneria Francesco Pazienza, al generale piduista del Sismi Pietro Musumeci che era membro della P2 e al colonnello Pietro Belmonte, scomparso nel 1988, che non apparteneva alla P2 ma figura in un rapporto sulle logge bolognesi.
Oggi la Procura generale, sulla base di elementi ancora coperti da segreto, rilancia nella speranza che la rogatoria in Svizzera dia qualche nuovo risultato.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca