Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Ostia: la Cassazione conferma il carcere e l'accusa di mafia per Spada

Mafie News

Ostia: la Cassazione conferma il carcere e l'accusa di mafia per Spada

Sferrò la testata al giornalista Rai. Respinto il ricorso della difesa
di AMDuemila
Roma. A Ostia, quartiere marittimo della capitale, c’è la mafia. A ribadirlo, dopo il verdetto che nei mesi scorsi ha riaperto il processo per il clan Fasciani con l’accusa di mafiosità, è la Cassazione.
La Suprema Corte ha infatti respinto il ricorso presentato dalla difesa di Roberto Spada, numero 'due' dell'omonimo clan, rinchiuso nel carcere di massima sicurezza a Tolmezzo per aver aggredito con una testata davanti alla telecamera il giornalista Daniele Piervicenzi e il filmaker Edoardo Anselmi della trasmissione 'Nemo' della Rai mentre il sette novembre 2017 lo intervistavano davanti alla 'sua' palestra abusiva ad Ostia sui rapporti con Casapound. A Spada sono contestate le accuse di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso: soprattutto contro la configurabilità dell'aggravante di aver agito con il metodo mafioso si sono concentrati, senza successo, gli sforzi difensivi per alleggerire la sua posizione.
L'udienza della Quinta sezione penale degli 'ermellini', come tutti i procedimenti sulla libertà personale, si è svolta a porte chiuse nella camera di consiglio presieduta da Grazia Lapalorcia. Nella sua requisitoria il Sostituto procuratore generale della Cassazione Luigi Orsi aveva chiesto il rigetto del ricorso presentato contro l'ordinanza del Tribunale del riesame di Roma che il 22 novembre scorso aveva confermato la custodia cautelare per Roberto Spada. Con la sua decisione, la Suprema Corte ha lasciato Spada nella sua cella con la prospettiva dei lunghi tempi di carcerazione preventiva che scattano per chi è accusato di mafia.

spada carmine arresto

L'arresto di Carmine Spada


Comunque, anche se gli 'ermellini' avessero accolto il ricorso della difesa, Spada sarebbe lo stesso rimasto in carcere dal momento che due settimane fa, il 25 gennaio, nei suoi confronti è stata emessa un'altra ordinanza di custodia cautelare in cella per associazione mafiosa e vari altri reati - omicidio compreso - nell'ambito dell'operazione 'Eclissi' della Procura di Roma che ha fatto arrestare 32 appartenenti al clan.
Tra loro, oltre a Roberto Spada, anche i suoi fratelli Carmine di 51 anni, detto 'Romoletto' e considerato il capo dopo la morte del padre Enrico nel 2016, e Ottavio di 54 anni detto anche 'Maciste' o 'Romolo', specializzato nel riscuotere le estorsioni.

Fonte ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa