Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Processo ''Breakfast'': Berlusconi non si presenta

Mafie News

Processo ''Breakfast'': Berlusconi non si presenta

berlusconi silvio c ansa 2di AMDuemila
Ancora una volta Silvio Berlusconi è riuscito a sottrarsi dal comparire come testimone al tribunale di Reggio Calabria. Dove si sta svolgendo il processo “Breakfast” a carico dell'ex ministro dell'Interno Claudio Scajola e della moglie di Amedeo Matacena, Chiara Rizzo, per procurata inosservanza della pena aggravata dall'avere favorito un'associazione mafiosa dello stesso Matacena, oggi latitante a Dubai.
Ieri mattina, “Il Cavaliere” ha fatto sapere all’avvocato incaricato della sua convocazione, il legale Candido Bonaventura, difensore della moglie di Matacena, di non poter essere presente in aula a causa di un incontro con il premier turco Erdogan, fissato per le cinque e mezza di pomeriggio. Incontro che però non si è mai verificato.
L’avvocato Niccolò Ghedini in aula ha quindi spiegato che l’ex premier “aveva chiesto un incontro privato con Erdogan e proprio per questo è rimasto a Roma, ma non è stato possibile realizzarlo”. E’ da inizio anno che Berlusconi rimanda la sua convocazione, una volta per “un concomitante impegno al tribunale di Tempio Pausania dove è impegnato come parte offesa”, un’altra volta per “impegni di campagna elettorale”. Ad ogni modo Ghedini ha assicurato che l’ex premier in aula si presenterà, ma solo dopo che la campagna elettorale sarà conclusa. Infatti la sua testimonianza è fissata per il 26 marzo. In quell’occasione Silvio Berlusconi potrà finalmente spiegare, di fronte ai giudici e al procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, l’incontro di cui parla Scajola, avuto con l’ex presidente libanese Amin Gemayel e il faccendiere italiano Vincenzo Speziali che nella scorsa udienza, dopo aver scelto i patteggiamento, avrebbe ammesso di aver aiutato Amedeo Matacena, latitante a Dubai, nel tentativo di raggiungere il Libano.

Foto © Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Scajola: ''Mi interessai per asilo politico Matacena. Non è reato''

Processo Scajola, Berlusconi chiamato a deporre

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca