Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Guerra di mafia nel Gargano: causata dal narcotraffico con l'Albania

Mafie News

Guerra di mafia nel Gargano: causata dal narcotraffico con l'Albania

aquilio marco colonelloPresentata la relazione annuale delle attività dei carabinieri di Foggia
di AMDuemila
Sono i traffici di droga con l'Albania che hanno creato la nuova guerra di mafia”. Con queste parole il colonnello Marco Aquilio (in foto), comandante provinciale dei carabinieri di Foggia, ha voluto fare il punto della situazione nel consueto appuntamento annuale con la stampa per presentare i dati relativi alle attività svolte dai carabinieri nel 2017. Secondo gli investigatori, dunque, dietro gli omicidi di questa estate ad Apricena in cui sono stati uccisi Antonio Petrella e suo nipote Nicola Ferrelli, vicino al clan Di Summa, a San Severo con la morte di Matteo Lombardozzi e a San Marco in Lamis con l'assassinio del boss Mario Luciano Romito e suo cognato, ci sarebbero i fiumi della droga. Infatti come aveva anche raccontato linchiesta “Mafie Unite d’Europa” del IlFattoQuotidiano.it, i narcotrafficanti albanesi di Tirana hanno dirottato dal Salento al Gargano lo “scalo” per lo smercio in Europa di Marijuana, eroina e cocaina. “Quello che abbiamo visto è che in Capitanata c'è un'attenzione maggiore da parte delle organizzazioni criminali verso gli stupefacenti - ha spiegato Aquilio - Gli attriti che nascono nell'ambito dei gruppi mafiosi sono legati al narcotraffico. Come dimostrano i contatti con l'Albania e grandi sequestri di droga avvenuti”.

Il rendiconto delle attività
Gli arresti sono aumentati, passando dai 1576 del 2016 ai 1633 del 2017. I reati in aumento sono le rapine, passate da 257 del 2016 a 284 del 2017, mentre le estorsioni sono passate da 123 dell'anno scorso a 137 di quest'anno. Invece gli omicidi sono stati 15 rispetto agli 8 del 2016 e i quantitativi di droga sequestrata sono stati di oltre 116kg, rispetto ai 55 dell'anno precedente. E in riferimento ai dati, il comandante provinciale ha spiegato: “Va evidenziato che si tratta di rapine alle tabaccherie, alle farmacie, agli alimentari. Questo dato va letto unitamente al discorso degli stupefacenti perché sono tutte rapine che vengono commesse, a volte anche da adolescenti per guadagnarsi 200 euro che servono poi all'acquisto degli stupefacenti”. Aquilio poi ha proseguito dicendo che dietro l'aumento delle rapine ci sarebbe proprio il consumo di droga e per questo motivo “i gruppi criminali puntano più sugli stupefacenti”.

Segnali positivi
Un dato positivo è quello dell'aumento delle denunce di estorsioni - ha continuato Aquilio - Nell'ultimo periodo abbiamo notato una maggiore propensione, da parte della gente, a denunciare questo tipo di reato”. Altri dati confortanti sono arrivati dai numerosi sequestri e degli agguati sventati. Questo grazie anche all'arrivo dei Cacciatori di Calabria, che come primo risultato ha avuto lo stop degli agguati. Ma comunque i traffici di droga non si fermano e gli affari vanno avanti. E ora l'obbiettivo degli investigatori è fermare la via del narcotraffico. “Lo Stato deve essere sempre più credibile e credo che lo Stato a Foggia è credibile - ha concluso il comandante - Il cittadino non può ignorare tutto lo sforzo che è stato fatto anche con l'aumento dell'organico per migliorare la situazione nella provincia di Foggia. Auguro per il futuro una sempre maggiore collaborazione e invito la cittadinanza a venire da noi a denunciare”.

ARTICOLI CORRELATI

La mappa della criminalità organizzata in Puglia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca