Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Morte 'Faccia da mostro': esame tossicologico conferma decesso per cause naturali

Mafie News

Morte 'Faccia da mostro': esame tossicologico conferma decesso per cause naturali

aiello faccia da mostro c michele naccaridi AMDuemila
Gli esami tossicologici sul corpo di Giovanni Aiello, ex poliziotto noto come “faccia da mostro”, confermano il decesso per cause naturali. Questo quanto indicato nella relazione consegnata al pm Vito Valerio riguardo la morte di Aiello avvenuta lo scorso 21 agosto in una spiaggia calabrese vicino a Montauro mentre portava a riva la sua barca.
Confermata quindi la prima ipotesi sul decesso: un malore cardiaco. Adesso la salma sarà consegnata ai familiari e nei prossimi giorni sarà cremata così come aveva chiesto lo stesso Aiello.
Di “faccia da mostro” ne ha parlato proprio lunedì scorso il pentito Consolato Villani: “L’ho visto assieme ad una donna quando accompagnavo Nino Lo Giudice” e ancora: “Erano esperti nel maneggiare esplosivo, in azioni terroristiche, erano due killer gestiti dai servizi segreti deviati assieme alla criminalità organizzata di tipo mafioso”. Il collaboratore di giustizia ne ha parlato al processo ’Ndrangheta stragista in cui era indagato anche lo stesso Giovanni Aiello.
L’ex agente è stato più volte associato alle stragi di via D'Amelio e di Capaci, ma anche agli omicidi del vicequestore Ninni Cassarà e del poliziotto Nino Agostino. Aisi e Aise hanno sempre smentito una sua appartenenza all'intelligence ma diversi pentiti lo hanno descritto come un agente dei servizi. Vincenzo Agostino, padre del poliziotto ucciso insieme alla moglie Ida Castelluccio, nel confronto all’americana, lo indicò come colui che il giorno dell’omicidio era andato a cercare suo figlio Nino pochi giorni prima dell'agguato.

Foto © Michele Naccari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa