Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Focus Riforma penale, Ardita: ''Rende giustizia impraticabile''

Mafie News

Riforma penale, Ardita: ''Rende giustizia impraticabile''

ardita seb pp c giorgio barbagalloIl magistrato critica il giro di vite sul trojan: non si potrà usare per i colletti bianchi
di AMDuemila
La riforma penale approvata da Camera e Senato “rende più difficile il funzionamento della giustizia fino a mettere in ginocchio le procure, se si guarda all’obbligo di definire le richieste di rinvio a giudizio o archiviazione entro i 3 mesi dalla fine di un’indagine, pena l’avocazione alle procure generali che hanno molti meno magistrati”. A criticarla è Sebastiano Ardita, procuratore aggiunto di Messina e in passato membro della commissione Gratteri che stese alcune proposte tecniche per migliorare la macchina della giustizia. Nessuna di queste norme, però, ha precisato il magistrato al Fatto Quotidiano, “è stata recepita dal disegno di legge” mentre invece il termine dei 3 mesi, in commissione “scartato perché ritenuto dannoso”, è stato poi “ritrovato nella riforma”.
Uno degli aspetti più contestati dal magistrato è il giro di vite proposto in merito al trojan, intrusore informatico che consente di attivare il microfono di un computer. “La Cassazione ha delimitato l’uso per la criminalità organizzata mafiosa, terroristica e semplice, invece, nel ddl penale, l’uso del trojan si prevede esclusivamente per mafia e terrorismo, salvo che si stia compiendo un reato”. Ciò vuol dire, ha spiegato il procuratore aggiunto, che non ci si potrà avvalere del trojanper tutti i reati commessi dai colletti bianchi in forma associata: corruzioni, peculato, truffe”, che sono numerosissimi. Mentre invece questo strumento sarebbe quanto mai utile dato che “a differenza dei reati di mafia e terrorismo, dove spesso ci si avvale di collaboratori di giustizia e di altre fonti, in Italia i reati di corruzione e più in generale dei colletti bianchi, sono reati per i quali non esistono né denunce né testimonianze”, senza contare che “in Italia contro la corruzione non si possono fare operazioni sotto copertura e non c’è, per questo tipo di reati, un regime premiale adeguato nei confronti di chi volesse collaborare”.
Inoltre, ha proseguito Ardita, se la riforma diventasse legge il captatore informatico non si potrebbe più usare “se, per esempio, durante un’indagine per mafia, mi imbatto in un altro reato”. Secondo il magistrato di Messina l’effetto sarebbe “quello di rendere la giustizia impraticabile e i cittadini che la vedranno funzionare ancora peggio se la prenderanno, probabilmente, con i magistrati, sbagliando obiettivo perché i magistrati devono applicare le leggi approvate dal Parlamento”.

Foto ©  Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...

STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...


GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...

LA STRATEGIA DELL'INGANNO

LA STRATEGIA DELL'INGANNO

by Stefania Limiti

“Siamo andati in un terreno che non ci...


L'INGANNO DELLA MAFIA

L'INGANNO DELLA MAFIA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Di mafia si parla molto, ed è un...

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...


STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta